Parigi, ristorante incassa 1,5 mln di euro grazie a vendita vini

mercoledì 9 dicembre 2009 14:41
 

PARIGI (Reuters) - La Tour d'Argent, prestigioso ristorante parigino sulla rive gauche della Senna, ha incassato più di 1,5 milioni di euro dalla vendita di una selezione di vini e liquori della sua cantina, una delle migliori al mondo.

La vendita di 18.000 bottiglie, parte della cantina del ristorante composta da 450.000 pezzi, è stata voluta per far cassa e per liberare dello spazio nel labirinto di piccoli corridoi; questo per accogliere i nuovi vini e per permettere il prossimo restauro.

L'attrazione principale era una bottiglia di cognac "Clos du Griffier" datato 1788, venduta a un imprenditore francese per 25.000 euro, incasso devoluto in beneficenza.

Gli introiti hanno facilmente superato la stima iniziale di 1 milione di euro, ogni singola bottiglia offerta è stata acquistata nella due giorni di asta, tra lunedì e martedì.

"I due giorni appena passati sono stati veramente emozionanti", ha detto il proprietario del ristorante Andre Terrail in un comunicato a conclusione dell'asta.

"Ogni bottiglia acquistata necessita del momento, dell'atmosfera corretta per essere completamente apprezzata. I compratori sono entrati in possesso non solo di ottimi vini ma anche di un pezzo della nostra storia e del nostro spirito", ha detto.

Fondato nel 1582, La Tour d'Argent era di moda tra i re di Francia che si sono seguiti prima della Rivoluzione Francese, durante la quale il ristorante è stato invece teatro dell'assalto dei rivoluzionari. Nei primi anni dell'800 è poi diventato lo chef personale di Napoleone.

Probabilmente il momento più duro è stato quando, durante la seconda guerra mondiale, alti ufficiali nazisti hanno iniziato a frequentarlo di sovente.

Di conseguenza il proprietario Claude Terrail, padre dell'attuale proprietario, murò la cantina per preservare le sue migliori annate dagli indesiderati ospiti. Origliò anche le loro conversazioni riferendole alla resistenza francese.   Continua...

 
<p>La cantina della Tour d'Argent. REUTERS/Charles Platiau (FRANCE SOCIETY)</p>