Polanski rilasciato su cauzione, è ai domiciliari nel suo chalet

venerdì 4 dicembre 2009 15:28
 

GSTAAD, Svizzera (Reuters) - Il regista Roman Polanski, arrestato lo scorso settembre in Svizzera dopo essere fuggito dagli Usa negli anni 70 alla vigilia della sentenza del processo che lo vedeva imputato per aver avuto rapporti sessuali con una 13enne, è stato rilasciato oggi su cauzione ed è agli arresti domiciliari nel suo chalet di Gstaad.

Un reporter Reuters lo ha visto a bordo di un'auto che è passata vicino ai 200 giornalisti che stazionavano fuori dalla sua lussuosa abitazione prima di entrare nel garage.

"Roman Polanski è stato scarcerato oggi... e trasferito a Gstaad, dove è agli arresti domiciliari nel suo chalet", ha annunciato in una nota il governo svizzero.

Il regista franco-polacco è stato rilasciato dietro pagamento di una cauzione di 4,5 milioni di dollari e a condizione di indossare un braccialetto elettronico e di non lasciare l'abitazione.

Un cordone di polizia stamattina ha isolato lo chalet ricoperto di neve, all'interno del quale giornalisti Reuters hanno intravisto diverse persone prima dell'arrivo di Polanski.

Il regista 76enne, premio Oscar per "Il Pianista", è stato arrestato sulla base di un mandato di cattura emesso dagli Stati Uniti il 26 settembre scorso, quando è entrato in Svizzera per ricevere un premio alla carriera nell'ambito di un festival cinematografico.

Nel 1977 era fuggito dagli Usa alla vigilia della sentenza del processo in cui era imputato per avere avuto rapporti sessuali con una tredicenne dopo averla stordita con alcool e droghe.

Lo scorso ottobre gli Usa hanno chiesto formalmente la sua estradizione, sulla quale il governo svizzero dovrebbe decidere entro qualche settimana. Il regista ha comunque il diritto di fare ricorso.

-- Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia