Tv, Cowell porta "X-Factor" a Las Vegas e su internet

mercoledì 2 dicembre 2009 10:51
 

LOS ANGELES (Reuters) - Il produttore televisivo britannico Simon Cowell, uno dei più importanti imprenditori nello show business inglese e americano, vuole portare il suo talent show "The X Factor" a Las Vegas, per un'edizione mondiale in pay-per-view.

Cowell, 50 anni, conosciuto soprattutto come il terribile giudice del programma canoro "American Idol", ha raccontato alla versione britannica del magazine Gq di aver ideato insieme al milionario inglese Sir Philip Green la nuova edizione di "X-Factor".

La coppia sarebbe in trattative con il direttore di un grande casinò di Las Vegas per poter fare in Nevada una versione permanente dello show.

Il programma britannico, creato da Cowell nel 2004, ha già lanciato star come Leona Lewis e ha prodotto versioni in 19 nazioni nel mondo.

"Il progetto è di portare lo show a Las Vegas. Avremo lì una sede permanente. La casa di 'X-Factor', in diretta da Las Vegas", ha detto Green, secondo quanto riportato dal magazine Gq.

Cowell e Green hanno detto che il progetto è di avere due show a settimana a Las Vegas e di trasmetterli entrambi su internet, a pagamento.

"Sarà tutto online. Ci saranno connesse 20, 30, 40 milioni di persone per due volte a settimana", ha detto Green a Gq. "Sarà come portare due, trecento milioni di spettatori in un luogo".

Cowell, la cui etichetta discografica Syco fa parte dell'impero Sony Music Entertainment, è anche l'inventore degli show televisivi "America's Got Talent" e "Britain's Got Talent".

Forbes.com lo ha eletto anche uomo più ricco del prime time televisivo Usa, con introiti netti di 75 milioni di dollari nel 2008.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Simon Cowell in una immagine di archivio REUTERS/Luke MacGregor/Files</p>