Clima, europei potrebbero salvare pianeta con due euro al giorno

martedì 1 dicembre 2009 13:53
 

Di Pete Harrison

BRUXELLES (Reuters) - Gli europei potrebbero contribuire a limitare le emissioni, causa del surriscaldamento globale, con soli due euro al giorno, ma dovrebbero ridurre anche il consumo di carne e limitare i viaggi in auto. E' quanto si legge in un rapporto diffuso oggi.

Tra gli altri accorgimenti necessari ci sono anche il viaggiare in treno invece che in aereo per tratte inferiori ai 1000 chilometri, si legge nel rapporto dell'Istituto Ambientale di Stoccolma, commissionato da Friends of The Earth Europe (Foee).

Lo studio fissa come obiettivo il taglio delle emissioni che causano il surriscaldamento globale, come quelle di anidride carbonica, del 40% al di sotto dei livelli del 1990, il tutto entro i prossimi dieci anni.

"Non è solo un problema di investimenti, si tratta di cambiare proprio lo stile di vita", ha detto Snoja Meister, dell'associazione Foee. "Questo rapporto indica la via da percorrere, che include anche una riduzione del 10% dei viaggi aerei e del 4% per quanto riguarda l'uso dell'auto".

"Si utilizzerebbe il treno il 9% in più, mentre il consumo di carne andrebbe ridotto del 60%", ha aggiunto Meister.

L'Unione Europea si è impegnata a ridurre le emissioni di CO2, principale causa del cambiamento climatico, del 20% al di sotto dei livelli del 1990 entro il 2020.

In realtà l'Ue ha parlato anche di una possibile riduzione delle emissioni di un terzo, qualora gli altri paesi sviluppati si impegnino a fare altrettanto nel meeting di Copenaghen previsto per dicembre.

Molti scienziati, tra l'altro, hanno detto che i paesi ricchi devono impegnarsi in tagli alle emissioni molto più consistenti per mantenere l'aumento della temperatura al di sotto dei due gradi Celsius.   Continua...

 
<p>Distributore di biciclette pubbliche a Parigi. REUTERS/Charles Platiau (FRANCE SPORT CYCLING TRANSPORT)</p>