Referendum in Svizzera, sì a proposta stop minareti

domenica 29 novembre 2009 17:55
 

GINEVRA (Reuters) - Gli elettori svizzeri hanno approvato oggi la proposta della destra di vietare la costruzione di nuovi minareti, in un risultato sorprendente destinato a creare imbarazzo al governo neutrale della Svizzera.

L'agenzia di stampa elvetica Ats e altri media hanno detto che nel referendum circa il 57,5% degli elettori e 22 dei 26 cantoni hanno detto sì alla proposta avanzata dal partito di destra Swiss People Party (Svp).

In Svizzera sia il parlamento che il governo hanno respinto la proposta dicendo che viola la costituzione del Paese, la libertà di religione e la nota tradizione di tolleranza svizzera. Secondo il governo elvetico una modifica della costituzione per proibire la costruzione dei minareti potrebbe "fare il gioco dei gruppi estremisti".

Timori sono stati espressi anche dall'Agenzia Onu che tutela i diritti umani.

Il governo ha detto che rispetterà il volere degli elettori e ha dichiarato che non sarà più consentita la costruzione di nuovi minareti.

"I musulmani in Svizzera sono in grado di praticare la loro religione da soli o in comunità assieme ad altri e di vivere secondo i loro principi come prima", ha detto l'esecutivo in una nota.

Il ministro della Giustizia, Eveline Widmer-Schlumpf, ha detto che il risultato del referendum riflette la paura del fondamentalismo islamico ma che il divieto non è "uno strumento valido per contrastare le tendenze estremiste".

Nel Paese - che conta circa sette milioni di abitanti - vivono oltre 300.000 musulmani, provenienti soprattutto da Bosnia, Kosovo e Turchia.

Sono quattro le moschee che hanno un minareto, tra cui quelle di Ginevra e Zurigo. La chiamata alla preghiera è proibita nel Paese.   Continua...

 
<p>Due minareti davanti ad alcuni grattacieli. REUTERS/Steve Crisp</p>