Cina, altri 20mila chilometri di ferrovie nell'ovest entro 2020

lunedì 23 novembre 2009 18:03
 

PECHINO (Reuters) - La Cina ha in programma di espandere la sua rete ferroviaria nella zona occidentale del Paese di ulteriori 20.000 chilometri. Lo ha riportato l'agenzia stampa ufficiale Xinhua citando un funzionario locale, che però non ha voluto chiarire i dettagli economici dell'intervento.

Tra circa dieci anni, così, la Cina dovrebbe avere una rete ferroviaria lunga circa 50.000 chilometri nella zona occidentale del Paese, quella meno ricca e con le infrastrutture più deboli rispetto alla più popolosa zona orientale.

Alla fine del 2008 la rete ferroviaria occidentale era lunga 30.000 chilometri, ha detto Yan Hexiang, ministro dei Trasporti, come riportato dall'agenzia Xinhua.

I lavori sulle principali ferrovie, quelle che dovranno collegare le metropoli del Chongqing e della vicina provincia del Sichuan con il Guizhou e tutta la parte meridionale del Paese, subiranno una decisa accelerata e saranno avviati il prima possibile.

La Cina avrà così una linea ferroviaria di oltre 120.000 chilometri entro il 2020, ha aggiunto Yan.

Il viceministro dei trasporti Wang Zhiguo aveva detto quest'estate che la Cina avrebbe investito più di 102 miliardi di dollari all'anno, in media, per la costruzione di ferrovie nei prossimi tre anni, dopo aver incrementato i fondi fino a 600 miliardi di yuan già nel 2009.

Lo scorso anno la Cina ha annunciato un pacchetto di stimolo all'economia da 4.000 miliardi di yuan entro il 2010, gran parte dei quali dedicati al potenziamento di infrastrutture come strade e ferrovie.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Un operaio lavora alla costruzione di binari a Taiyuan, nella provincia dello Shanxi. REUTERS/Stringer (CHINA ENERGY) CHINA OUT. NO COMMERCIAL OR EDITORIAL SALES IN CHINA</p>