Beckham, ancora al Milan per conquistarsi un posto in nazionale

lunedì 23 novembre 2009 14:47
 

SEATTLE (Reuters) - David Beckham, alla vigilia dell'inizio del suo periodo in prestito in Italia, ha detto di vivere come una sfida la prospettiva di tornare al Milan ma di essere fiducioso sulla sua capacità di farsi valere in Serie A.

Beckham milita nella squadra che ha perso la Mls Cup, i Galaxy di Los Angeles, sconfitta ieri ai rigori nella partita decisiva dal Real Salt Lake, ma il programma di preparazione alla Coppa del Mondo del prossimo anno lo porterà a Milano.

L'anno scorso, il centrocampista inglese fece lo stesso, unendosi al club italiano a gennaio per restare fino alla fine della stagione.

"L'ultima volta che sono stato là, è stata una sfida, è così che deve essere. Alcuni dicevano che avrei giocato solo un paio di partite ed è finita che le ho giocate tutte tranne una", ha detto ai giornalisti.

"Sarà una sfida entrare in una squadra così, con dei giocatori così. Andrò lì per lavorare sodo, unirmi alla squadra, nella speranza di poter dare il mio contributo e di divertirmi", ha continuato.

La scelta di tornare al Milan si spiega con la volontà di Beckham di dimostrare all'allenatore della nazionale inglese, Fabio Capello, di essere nella forma ideale per far parte della selezione che a giugno volerà in Sudafrica.

Riuscirà nel suo intento, se a San Siro troverà spazio per impressionare Capello ma dovrà fare i conti con concorrenti quali Gennaro Gattuso, Clarence Seedorf, Andrea Pirlo e Massimo Ambrosini, tutti a disposizione dell'allenatore del Milan, Leonardo.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Beckam in una foto d'archivio. REUTERS/Stefan Wermuth (BRITAIN SPORT SOCCER)</p>