Egitto-Algeria, Mubarak: non tollereremo insulti a connazionali

sabato 21 novembre 2009 15:37
 

IL CAIRO (Reuters) - L'Egitto non tollererà che i propri cittadini che vivono all'estero vengano umiliati, ha detto oggi il presidente Hosni Mubarak in un discorso al Parlamento, riferendosi apparentemente alla polemica con l'Algeria sulla qualificazione alla Coppa del Mondo di calcio.

"Non consentiremo ad alcuno di umiliarli", ha detto Mubarak, ottenendo gli applausi dell'assemblea.

Secondo quanto riportato dai media egiziani, i tifosi algerini hanno aggredito quelli egiziani dopo la vittoria nell'incontro per la qualificazione ai Mondiali 2010 che si giocava nella capitale sudanese Karthoum.

"Chiaramente, la dignità del popolo egiziano è la dignità dell'Egitto", ha detto Mubarak, mentre alcuni parlamentari sventolavano la bandiera nazionale. "E l'Egitto non la prende alla leggera, quando di tratta di onorare la dignità del suo popolo".

Gruppi di manifestanti si sono riuniti oggi per il terzo giorno consecutivo vicino all'ambasciata algerina del Cairo, ma in numero minore rispetto ai giorni passati e tra un ampio dispiegamento di forze di sicurezza.

Mubarak parlava a entrambi i rami del Parlamento all'inizio della quinta sessione, quella finale, prima delle elezioni parlamentari che si terranno nel 2010.

L'Algeria ha respinto le accuse del Cairo di non aver protetto i cittadini egiziani che vivono nei suoi confini, anche se i tifosi algerini hanno danneggiato la sede di Algeri della divisione mobile dell'azienda egiziana Orascom Telecom tra la partita del Cairo di sabato scorso e quella di Karthoum di mercoledì scorso.

In precedenza, i tifosi egiziani avevano lanciato sassi contro il bus della squadra algerina, ferendo alcuni giocatori, e alcuni fan erano rimasti feriti a loro volta negli scontri avvenuti nel giorno della partita del Cairo.

La Fifa ha aperto una inchiesta disciplinare contro l'Egitto per gli incidenti del Cairo.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Mubarak in una foto d'archivio. REUTERS/Amr Abdallah Dalsh (EGYPT POLITICS)</p>