Istat: calano neoiscritti all'università

venerdì 20 novembre 2009 12:46
 

Nella storia trasmessa alle 12.14 si è indicato erroneamente nel titolo che è calato per la prima volta il numero degli iscritti alle Università italiane, mentre il calo riguarda gli iscritti per la prima volta agli atenei.

ROMA (Reuters) - Gli studenti iscritti all'anno scolastico 2007/2008 sono in aumento rispetto all'anno precedente ma calano, seppur di poco, i giovani iscritti per la prima volta all'università. Lo ha rivelato l'Annuario statistico italiano 2009, la più importante pubblicazione generalista dell'Istituto nazionale di statistica.

Gli studenti iscritti per il 2007/2008 sono stati 8.960.311, 22.307 in più rispetto all'anno precedente, a conferma del trend positivo avviato nel biennio 2000/2001. Il dato complessivo contrasta però con quello degli iscritti per la prima volta all'università, che sono 307.000, circa 1.000 in meno rispetto all'anno precedente (meno 0,3%).

Il tasso di scolarità, ormai da qualche anno, si attesta intorno al 100% per quanto riguarda scuole dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado, mentre continua ad aumentare per la secondaria di secondo grado, dall'86,3% del 2001/2002 al 93,2% del 2007/2008.

Questo aumento costante e progressivo della scolarizzazione ha prodotto, nel corso degli anni, anche un costante innalzamento del livello di istruzione della popolazione italiana; la quota di persone con qualifica o diploma di scuola secondaria superiore si attesta al 32,6%, mentre il 10,7% possiede un titolo di studio universitario.

Aumenta, però, anche la severità nelle scuole. In particolare nelle scuole secondarie di secondo grado, nel passaggio dal primo al secondo anno, la percentuale di alunni respinti ha raggiunto il 20,9% (rispetto al 18% del 2006/2007).

Per quanto riguarda i dati relativi all'università rimane stabile il dato relativo alla popolazione universitaria, composta da 1.808.665 studenti, mentre aumenta il numero degli studenti che frequentano l'università in una regione diversa da quella di residenza.

A livello di risultati, invece, le donne sono risultate più studiose degli uomini. Le laureate, infatti, sono state circa 22 ogni 100 25enni contro i 15 laureati ogni 100 maschi della stessa età.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Gli studenti iscritti all'anno scolastico 2007/2008 sono in aumento rispetto all'anno precedente ma calano, seppur di poco, i giovani iscritti per la prima volta all'universit&agrave;. Lo ha rivelato l'Annuario statistico italiano 2009, la pi&ugrave; importante pubblicazione generalista dell'Istituto nazionale di statistica. REUTERS/Alessia Pierdomenico</p>