Aerei Usa, problema ai software causa gravi ritardi a voli

venerdì 20 novembre 2009 10:13
 

WASHINGTON (Reuters) - Un problema ai computer del sistema di gestione dei voli ha provocato gravi problemi al traffico aereo Usa ieri, con l'area di New York particolarmente danneggiata da ritardi e voli cancellati.

La Federal Aviation Administration ha fatto sapere che la causa di tali disagi, dettati dal fatto che non è stato più possibile gestire elettronicamente i dati sui vari voli, è da attribuirsi ad un problema di software.

Le informazioni, quindi, sono state smistate manualmente e questo ha causato un enorme rallentamento nelle procedure. I controllori si sono trovati costretti a limitare il traffico aereo per precauzione, concedendo il via libera per il decollo solo ad un numero ristretto di aerei.

I radar che controllano il tragitto dei vari velivoli non sono stati colpiti dal danno e, di conseguenza, non ci sono stati problemi relativi alla sicurezza dei voli, ha fatto sapere la Faa tramite un comunicato.

L'episodio, in ogni caso, è tutt'ora oggetto di indagine.

L'interruzione della corrente elettrica, che è durata quattro ore, si è verificata poco prima dell'ora di punta della East Coast. Il problema è stato risolto per le 9 di mattina ora locale. I disagi relativi ai voli, però, si sono protratti per tutto il pomeriggio e hanno coinvolto migliaia di viaggiatori a meno di una settimana dal periodo di vacanza per il Thanksgiving.

Molti dei passeggeri coinvolti, tra l'altro, avrebbero dovuto viaggiare per motivi di lavoro.

"Quello che si è verificato è inaccettabile in un momento in cui il governo dovrebbe essere il miglior partner possibile di un settore privato che sta tentando di fare da guida per la crescita economica", ha detto Michael McCormick, direttore esecutivo della National Business Travel Association.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Passeggeri in coda per il check in della Delta Airlines all'aeroporto internazionale di Atlanta, Hartsfield-Jackson ieri. REUTERS/Tami Chappell</p>