Rugby, cinque cambi nell'Italia che sfida il Sudafrica a Udine

giovedì 19 novembre 2009 17:09
 

ROMA (Reuters) - L'allenatore dell'Italia Nick Mallett ha deciso cinque cambi della formazione iniziale della squadra che sabato scorso ha messo in difficoltà la Nuova Zelanda e sabato prossimo affronterà a Udine i campioni del mondo del Sudafrica (alle 15).

Ex nazionale sudafricano con gli Springboks, Mallett ha deciso di rinnovare i trequarti con tre cambi.

Matteo Pratichetti prenderà il posto di Kaine Robertson all'ala, Alberto Sgarbi quello di Gonzalo Canale al centro mentre Simon Picone sarà mediano di mischia al posto di Tito Tebaldi per affiancare l'apertura Craig Gower.

Mallett ha anche ritoccato la mischia che ha fatto soffrire quella degli All Blacks nella partita persa con onore a San Siro per 20-6. La terza linea Simone Favaro, che ha impressionato nella tournèe di giugno in Australia e Nuova Zelanda, prenderà il posto di Mauro Bergamasco.

Infine l'esperto tallonatore Fabio Ongaro prenderà il posto di Leonardo Ghiraldini.

Quintin Geldenhuys e Carlo Antonio Del Fava, entrambi nati in Sudafrica, hanno mantenuto i loro posti in seconda linea.

Con i cambi, Mallett sembra voler risparmiare le forze in vista della successiva partita degli azzurri la settimana prossima contro Samoa ad Ascoli Piceno, unico match che l'Italia ha buone possibilità di vincere.

La formazione: 15-Luke McLean, 14-Matteo Pratichetti, 13-Alberto Sgarbi, 12-Gonzalo Garcia, 11-Mirco Bergamasco, 10-Craig Gower, 9- Simon Picone; 8-Sergio Parisse (capitano), 7-Alessandro Zanni, 6-Simone Favaro, 5-Quintin Geldenhuys, 4-Carlo Antonio Del Fava, 3-Martin Castrogiovanni, 2-Fabio Ongaro, 1-Salvatore Perugini.

in panchina: 16-Leonardo Ghiraldini, 17-Ignacio Rouyet, 18-Antonio Pavanello, 19-Josh Sole, 20-Mauro Bergamasco, 21-Tito Tebaldi, 22- Gonzalo Canale.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Un'azione di gioco durante il match di rugby tra Italia e Nuova Zelanda. REUTERS/Simon Baker</p>