Editoria, Playboy tratta sua cessione con Iconix

venerdì 13 novembre 2009 12:11
 

NEW YORK (Reuters) - Playboy ha avviato dei colloqui preliminari per verificare la possibilità di vendere l'azienda a Iconix Brand Group. Lo riferiscono fonti vicine alla trattativa.

L'obiettivo di Iconix, che possiede marchi di abbigliamento come Candies, Joe Boxer e Rocawear è di cercare un partner nel campo dell'editoria con il quale acquistare il magazine Playboy, pur mantenendo la proprietà del marchio.

Sia Playboy che Iconix non hanno voluto commentare queste indiscrezioni.

Oltre alla nota rivista, Plyaboy ha legato il suo marchio, un coniglietto con una cravatta a farfalla, anche ad alcune trasmissioni televisive.

Le fonti che hanno svelato questa trattativa hanno preferito rimanere anonime, anche perchè le due aziende non hanno mai voluto rendere pubblico questo affare.

Playboy si è dimostrata aperta ad una cessione già da diversi mesi, anche prima dell'arrivo del nuovo amministratore delegato a giugno, quando Scott Flanders ha preso il posto della figlia del fondatore Hefner, Christie Hefner.

"E' difficile stimare il valore di un'azienda che sta perdendo soldi", ha detto Nick Gibbons, analista del Gradient Analytics.

Le vendite del magazine Playboy, infatti, hanno subito una drastica contrazione negli ultimi anni, dovuta al fatto che la gente può ottenere foto e materiale per adulti su internet. Anche il mercato pubblicitario ha subito un brusco stop, come successo tra l'altro in tutto il settore dell'editoria americana.

"Playboy ha incassato 250 milioni di dollari negli ultimi 12 mesi, quindi se Iconix dovesse applicare il multiplo 1 alle entrate -- cosa della quale comunque dubito dal momento che l'azienda non sta producendo utili -- potrebbe prendere in considerazione l'acquisto dell'azienda proprio per 250 milioni di dollari", ha detto Gibbons.

 
<p>Inna Popenko, Playmate dell'anno 2009 per l'edizione russa di Playboy. REUTERS/Denis Sinyakov</p>