Musica, Beatles e Jackson stravolgono classifica vendite Usa

giovedì 12 novembre 2009 10:42
 

LOS ANGELES (Reuters) - Buone notizie per i fan di Michael Jackson, dei Beatles e di altri veterani della musica. I curatori di Billboard 200, la classifica di riferimento dei 200 album più venduti negli Usa, hanno detto che dovranno sensibilmente modificare la lista a fine mese per poter inserire contemporaneamente cataloghi e ultime uscite.

Billboard 200, infatti, generalmente si occupa solo di album usciti negli ultimi 18 mesi e, per questo, ha di fatto ignorato i due principali eventi del 2009: la morte di Michael Jackson e la pubblicazione del nuovo catalogo dei Beatles. I fan hanno comprato in massa gli album di queste star della musica, ma la politica che da 18 anni guida la compilazione della classifica della Billboard ha relegato sia il re del pop che il quartetto di Liverpool nella pressoché sconosciuta "classifica generale degli album", che mette insieme cataloghi e nuove uscite.

Adesso questa classifica diventerà essenzialmente la nuova Billboard 200 e conterrà i dati fino al 22 novembre. I dati sulle vendite, raccolti dalla società Nielsen SoundScan, sono pubblicati di norma il mercoledì.

Se la Billboard 200 della scorsa settimana si fosse basata sulle vendite complessive, ben 35 titoli di catalogo avrebbero fatto la loro comparsa in graduatoria, con "Number Ones" di Michael Jackson a guidare il gruppo, con il suo 13esimo posto.

La compilation del 2003 è stato l'album più venduto per sei settimane dopo la morte del cantante lo scorso 25 giugno, mentre Michael Jackson è al secondo posto nella classifica complessiva delle vendite, dietro solo alla star nazionale Taylor Swift.

La nuova classifica potrebbe contenere fino a sette album di Jackson e altrettanti dei Beatles. Anche altri grandi artisti come Bob Marley, Journey, Guns N' Roses e Creedence Clearwater Revival potrebbero entrare in graduatoria.

"Dopo 30 anni, i fan dei Journey sono ancora entusiasti di comprare la musica della band e di andare ai concerti, ma fino ad ora sono stati relegati al ruolo di artisti 'da catalogo'", ha detto il manager dei Journey John Baruck.

"Ci complimentiamo con Billboard e SoundScan per questo cambiamento, perché ora verrà veramente rappresentato quello che sta succedendo nel mercato nazionale della musica".

 
<p>"Michael Jackson" in un ritratto di Andy Warhol REUTERS/Chip East</p>