Niente aglio e cipolla: al vertice Apec l'alito è fresco

mercoledì 11 novembre 2009 10:17
 

SINGAPORE (Reuters) - I cuochi incaricati di preparare il menu per il presidente Usa Barack Obama ed i leader asiatici che si incontreranno questo weekend al vertice Apec hanno ricevuto un ordine perentorio: niente aglio e cipolla nelle pietanze per evitare che i colloqui si trasformino in una sfida "olfattiva".

Il capo degli chef Jess Ong, incaricato di far pranzare i 10.000 delegati dei 21 Paesi del summit dell'Asia Pacific Economic Cooperation (APEC) a Singapore, ha detto al giornale Today che i menu consisteranno in una versione più salutare e meno piccante dei piatti della cucina locale, come il pollo speziato e il chili di granchio.

Le pietanze avranno anche meno sale e zucchero, ha aggiunto. Saranno a disposizione dei leader anche confezioni di mentine, scrive il quotidiano.

I menu includerebbero quindi rivisitazioni moderne di classici della cucina di Singapore come la zuppa di pollo alle spezie con mousse di capesante, aragoste Rendang al forno, costolette brasate in salsa alle cinque spezie e antipasti freddi di chili di granchio con coulisse di mango.

I membri dell'Apec sono: Australia, Brunei, Canada, Cile, Cina, Hong Kong, Indonesia, Giappone, Corea del Sud, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, Perù, Filippine, Russia, Singapore, Tailandia, Taiwan, Usa e Vietnam.

 
<p>La sede dell'Apec Summit a Singapore. REUTERS/Russell Boyce</p>