Capitalismo, per una persona su quattro ha difetti insanabili

lunedì 9 novembre 2009 12:31
 

LONDRA (Reuters) - Circa un quarto delle persone che vivono in 27 Paesi in tutto il mondo credono che il capitalismo abbia in sé dei difetti insanabili, secondo i risultati di un sondaggio diffuso oggi in occasione del ventennale della caduta del muro di Berlino.

La caduta del muro, che ha diviso per 30 anni la Germania dell'Est legata all'area comunista da quella capitalista dell'Ovest, viene considerato un momento chiave nel crollo del blocco comunista e nel trionfo del sistema del libero mercato.

Il sondaggio, condotto da GlobeScan per Bbc World Service, ha dimostrato che una media dell'11% tra gli oltre 29.000 intervistati tra il 19 giugno e il 13 ottobre, pensa che il capitalismo abbia funzionato bene non ritenendo necessarie altre regole.

In media, il 23% degli intervistati crede che il capitalismo abbia in sé difetti insanabili e che sia necessario un nuovo sistema economico, anche se queste persone non hanno espresso quale alternativa preferiscano.

Circa la metà ha detto che i problemi legati al capitalismo possono essere affrontati con regole e riforme.

Stati Uniti e Pakistan sono gli unici due paesi dove oltre uno su cinque ritiene che il capitalismo vada bene così com'è.

"Sembra che la caduta del muro di Berlino nel 1989 non sia stata poi quella vittoria così netta del libero mercato che pareva allora", ha spiegato Doug Miller, presidente di GlobeScan. "A maggior ragione dopo gli eventi degli ultimi 12 mesi".

La crisi economica globale, che ha colpito più duramente molti paesi dell'Est Europa ex comunisti, ha costretto molte persone a mettere in dubbio i meriti dell'approccio capitalista.

 
<p>Un monumento che ricorda le vittime del comunismo REUTERS/Stoyan Nenov/Files</p>