In Cina i sacchetti di plastica diventano aquiloni

lunedì 9 novembre 2009 12:17
 

PECHINO (Reuters) - Le buste di plastica, un flagello ambientale, volano alte nel cielo di Pechino grazie ad un ingegnere in pensione che sta trasformando i rifiuti in aquiloni colorati.

Si pensa che gli aquiloni siano stati inventati in Cina più di duemila anni fa e che, secondo tradizione, venissero realizzati con i materiali allora disponibili come la carta di riso, la seta e le fibre delle piante.

La versione moderna utilizza quel materiale quasi ubiquo che secondo Han Fushan, 71 anni, è la cosa più facile e più economica da trovare per fare i suoi aquiloni.

"Gli aquiloni sono il mio unico tesoro" ha detto a Reuters Han, che ha trascorso gran parte della sua vita disegnando progetti d'architettura, prima di andare in pensione nove anni fa.

"E' grazie agli aquiloni che ho avuto la possibilità di conoscere così tante persone e farmi così tanti amici".

Gli aquiloni di plastica hanno fatto di Han una sorta di celebrità locale, e lui è molto orgoglioso delle sue creazioni economiche ed ecologiche, la cui costruzione costa 10 centesimi di euro circa.

Dopo anni passati a dare dimostrazioni nello stesso parco e alla stessa ora, Han si è costruito un folto e fedele seguito.

In media, ci vogliono due giorni per fare un aquilone tra tagliare, incollare e legare le corde, e molte creazioni si ispirano ad animali selvatici, a star dello sport e anche a personaggi dell'Opera di Pechino.

"Le buste di plastica hanno colori accesi e una buona consistenza. Più sono spesse, più sono buone per farne aquiloni resistenti ai forti venti, mentre più sono leggere e più sono adatte ai venti deboli", spiega Han.   Continua...

 
<p>Il volo di un aquilone REUTERS/Ali Jarekji</p>