Musica, torna Mario Biondi: la mia scommessa è ancora in inglese

mercoledì 4 novembre 2009 15:58
 

di Ilaria Polleschi

MILANO (Reuters) - Non esclude un giorno di poter fare un disco in italiano, ma per il momento per Mario Biondi la "scommessa" è ancora in inglese.

E così venerdì lancerà il suo nuovo album, "If", già disco di platino (70.000 copie vendute) in prevendita: un lavoro "dalle atmosfere particolari, un po' romantico, un po' sognatore", come ha raccontato il cantante siciliano in un'intervista a Reuters.

"Rispecchia abbastanza appieno la figura di Mario Biondi, il suo modo di cantare, il suo modo di scrivere", ha spiegato ancora il cantante, famoso per la sua inconfondibile voce black. "Direi che è coerente a come finora sono stato fin qui".

Quindici brani, fra cui quattro cover, rigorosamente in inglese, perché la speranza è che, come i precedenti, anche questo album abbia successo all'estero e perché a volte, "l'inglese aiuta a togliere un po' di banalità alle parole".

Ma Biondi -- che di recente ha realizzato un duetto con Renato Zero -- assicura di aver scritto "tantissime canzoni in italiano". "Le tengo nel cassetto, ben custodite. Mi piacerebbe condividerle anche con giovani talenti, che mi hanno già chiesto dei brani. La scommessa per me è ancora in inglese, ma non ho nessuna preclusione nei confronti della lingua italiana. Anzi un giorno canterò in siciliano, come faceva mio padre".

Trentotto anni, sei figli (dagli uno ai 13 anni) e a sua volta figlio e nipote di cantanti, Biondi vuole raccontare il bello della vita, l'amore, la felicità, la voglia di essere sereni. "Credo che tutti abbiamo bisogno di messaggi che ci coccolino un po' di più. Dentro ognuno di noi c'è una parte molto delicata, che va rispettata, va curata e non è da sottovalutare".

Se fosse ancora un ragazzino, inoltre, non escluderebbe di poter partecipare ad un talent show, in questo periodo tanto di moda in tv, ma spesso visti in maniera contrastante dagli artisti.

"Non ho pulsioni negative nei confronti di questo genere di programmi. Se ci fossero stati nel periodo in cui cercavo di fare qualcosa con la musica, avrei partecipato".

"Sono un'opportunità. Ho esortato anche mio fratello, che ha 20 anni e canta molto bene, a provarci".

 
<p>Una immagine di Mario Biondi. REUTERS/Hand out</p>