F1, Briatore annuncia azione legale contro sua esclusione

domenica 18 ottobre 2009 17:12
 

di Alan Baldwin

SN PAOLO DEL BRASILE (Reuters) - L'ex boss del team Renault Flavio Briatore vuole ottenere l'annullamento della sua esclusione a vita dalla Formula Uno, e domani sarà in tribunale a Parigi per un'azione legale.

"Questa decisione è un'assurdità legale e ho piena fiducia che i tribunali francesi risolveranno la questione in modo equo e imparziale", ha detto Briatore oggi in un comunicato che conferma il ricorso alla corte.

Briatore, noto sia per la sua passione per gli yacht e le feste che per il suo ascendente sulla Formula Uno, a settembre è stato escluso a vita per il suo ruolo nello scandalo per una gara truccata nel 2008 al Gran Premio di Singapore.

Secondo la dichiarazione di oggi, l'italiano ribadirà il proprio diritto a una libera e leale difesa rispetto alle accuse che gli sono state mosse.

Briatore affermerà anche il bando non è stato imposto da un giudice imparziale, dato che il capo del tribunale della Federazione Internazionale dell'Automobile che lo ha condannato era lo stesso presidente Fia Max Mosley.

"In questo caso, la Fia è stata usata come uno strumento per ottenere vendetta per conto di un uomo", ha detto Briatore nel comunicato, in cui aggiunge che chiederà anche un risarcimento.

Il direttore commerciale supremo della Formula 1 Bernie Ecclestone ha detto di non sapere quel potere potrebbe avere il tribunale: "Ho sempre pensato che la punizione fosse un po' troppo dura per il crimine", ha detto a Reuters Ecclestone, amico e partner d'affari di Briatore.

"Non so cosa farà il tribunale civile, non so che poteri ha". Il brasiliano Nelson Piquet ha fatto esplodere uno dei grandi scandali della Formula Uno dopo esser stato cacciato da Renault a luglio, quando ha raccontato alla Fia che gli era stato ordinato di uscire deliberatamente di strada durante la gara di Singapore.

Il pilota ha detto di averlo fatto per aiutare il compagno di team Fernando Alonso a vincere la corsa.

La Renault è stata sospesa per due anni con la condizionale dal campionato di F1, mentre l'ex ingegnere capo Pat Symonds è stato interdetto dalle piste per cinque anni.

 
<p>L'imprenditore Flavio Briatore, ex capo del team di F1 della Renault. REUTERS/Johannes Eisele (GERMANY SPORT MOTOR RACING HEADSHOT)</p>