October 6, 2009 / 10:15 AM / 8 years ago

Nobel per la Fisica a tre pionieri delle comunicazioni

4 IN. DI LETTURA

<p>I tre vincitori del Nobel per la fisica.Scanpix (SWEDEN SCI TECH IMAGES OF THE DAY)</p>

di Niklas Pollard

STOCCOLMA (Reuters) - Un pioniere nel campo delle fibre ottiche e due scienziati che hanno scoperto come trasformare la luce in segnali elettronici -- lavoro che ha gettato le basi per l'era di Internet -- sono stati premiati oggi con il premio Nobel per la Fisica del 2009. Charles Kao, un anglo-americano nato a Shangai, ha vinto metà del riconoscimento da 1,4 milioni di dollari per una ricerca nel campo delle fibre ottiche, che ha rivelato come trasmettere la luce su lunga distanza proprio attraverso fibre ottiche in vetro.

Willard Boyle -- con doppia cittadinanza, canadese e statunitense -- e lo statunitense George Smith hanno vinto l'altra metà del premio per aver inventato un sensore digitale capace di replicare un'immagine.

"Il premio Nobel per la Fisica di quest'anno viene assegnato per due scoperte scientifiche che hanno contribuito alla fondazione della moderna società connessa", si legge nel comunicato della Reale Accademia svedese per le Scienze.

"Hanno creato molte innovazioni pratiche per la vita di tutti i giorni e fornito nuovi strumenti per l'esplorazione scientifica", ha dichiarato il comitato in una nota.

Boyle, raggiunto telefonicamente durante la conferenza stampa del comitato nella capitale svedese, ha detto di non rendersi ancora conto di aver vinto il premio.

"Non ho ancora preso il caffé, quindi non mi rendo ancora conto. Ma sento questa piacevole sensazione per tutto il corpo, come quando pensi 'Wow, è davvero fantastico, ma è tutto vero?', ha detto lo scienziato.

Comunicazione Ultrapura

Il lavoro di Kao sulle fibre ottiche del 1966 ha gettato le basi per la creazione, quattro anni dopo, della prima fibra "ultrapura", ponendo di fatto i presupposti per la società della comunicazione attuale.

"Queste fibre con una piccola patina di vetro facilitano la comunicazione a banda larga, esattamente come accade per internet", ha fatto sapere il comitato.

"In meno di un secondo possono essere inviati in tutto il mondo immagini, musica, video e testi".

La maggior parte del traffico su queste reti è fatta di immagini digitali, il motivo per il quale sono stati premiati Boyle e Smith. Nel 1969, infatti, questi due scienziati hanno utilizzato un sensore digitale per riprodurre immagini.

"Questo metodo ha rivoluzionato la fotografia, dal momento che la luce può essere catturata elettronicamente", si legge nel comunicato.

Il lavoro di Boyle e Smith, entrambi impiegati nei laboratori americani Bell prima di andare in pensione più di 20 anni fa, ha consentito di fare progressi in campi come la microchirurgia o l'esplorazione spaziale.

"Quando venne inviata la sonda su Marte e venne utilizzata una macchina fotografica come la nostra -- ebbene questo non sarebbe stato possibile senza la nostra invenzione", ha detto Boyle.

Ma l'invenzione dei due scienziati ha avuto anche altre ripercussioni, non particolarmente apprezzate dai sostenitori della privacy.

"Siamo stati noi a diffondere per primi quelle piccole videocamere che ormai si vedono in tutto il mondo".

I premi Nobel vengono assegnati annualmente per i risultati ottenuti in campi come la scienza, l'economia, la letteratura e la pace.

Il premio deve il suo nome ad Alfred Nobel, chimico svedese inventore della dinamite, che lo ha istituito nel 1895, ed è stato assegnato per la prima volta nel 1901.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below