Calcio, prima sconfitta Juve a Palermo, Dinho salva Leonardo

lunedì 5 ottobre 2009 16:43
 

di Daniele Mari

ROMA (Reuters) - La Juventus cede a Palermo, subisce la prima sconfitta stagionale e dà via libera in vetta alla classifica della serie A all'insolita coppia formata da Inter e Sampdoria.

La squadra di Ciro Ferrara, battuta allo stadio Renzo Barbera per 2-0 da un ottimo Palermo, è sembrata giù di corda nei suoi uomini migliori ed è rimasta sorpresa dalla svolta tattica di Walter Zenga, che ha cambiato uomini e modulo proprio per imbavagliare gli attaccanti bianconeri.

Giulio Migliaccio, da sempre schierato a centrocampo ma utilizzato in questa occasione come difensore centrale, è stato l'emblema di un Walter Zenga "particolarmente ispirato", come lo stesso tecnico rosanero si è definito a fine partita.

La sconfitta della Juve, che non vince da cinque partite, lascia campo libero all'allungo di Inter e Sampdoria. La squadra nerazzurra ha dovuto aspettare nuovamente i minuti di recupero per avere ragione dell'Udinese, così come avvenuto nel 2008.

Nella scorsa stagione a fare esultare il tecnico José Mourinho era stato Julio Cruz, quest'anno è toccato a Wesley Sneijder, trequartista che lo stesso allenatore portoghese ha fortemente voluto e definito "fondamentale per il gioco tra le linee dell'Inter".

Mourinho, conscio dell'importanza della vittoria a giudicare dall'esultanza, ha ricevuto anche la benedizione del presidente Moratti che, in merito alla linguaccia mostrata dall'allenatore dopo il gol di Sneijder, si è limitato a dire: "Esulti come vuole, purché vinca".

A far compagnia ai campioni d'Italia in testa alla classifica c'è la Sampdoria di Luigi Del Neri, ieri bloccata in casa per 1-1 dal Parma dell'ottimo Francesco Guidolin. Le decisioni dubbie dell'arbitro Mazzoleni e il terreno di gioco dello stadio Marassi, che impallidisce dinanzi alla perfezione di campi come quello di Stamford Bridge o del Vicente Calderon di Madrid, hanno impedito ai blucerchiati di rimanere in vetta da soli.

Per la coppia d'oro ligure, formata da Antonio Cassano e Giampaolo Pazzini, non c'è nemmeno la consolazione della convocazione in Nazionale.   Continua...

 
<p>Cavani esulta dopo il gol dell'1-0 alla Juventus. REUTERS/Tony Gentile</p>