Pronto il libro di memorie del "pitbull" Sarah Palin

martedì 29 settembre 2009 14:21
 

NEW YORK (Reuters) - Sarah Palin, la donna che i Repubblicani avevano candidato alla vice-presidenza nelle presidenziali dell'anno scorso, e diventata per un breve periodo un'icona globale, è pronta a pubblicare un libro con le sue memorie, a soli quattro mesi dalla firma del contratto editoriale.

L'editore HarperCollins ha detto che il libro, dal titolo "Going Rogue: An American Life", sarà pubblicato il 17 novembre, nonostante la sua uscita fosse stata originariamente programmata per la primavera del 2010.

Il libro avrà una tiratura iniziale di un milione e mezzo di copie, secondo quanto riferito in un comunicato ufficiale dalla HarperCollins, parte della News Corp di Rupert Murdoch.

Anche il libro di memorie del senatore Edward Kennedy "True Compass", pubblicato subito dopo la sua morte, avvenuta il 25 agosto, è uscito con la stessa ragguardevole tiratura iniziale.

La Palin, 45 anni, la sfrontata conservatrice di ferro ex governatrice dell'Alaska, si è guadagnata la ribalta, negli Stati Uniti e nel mondo, l'anno scorso, quando il candidato dei repubblicani alla Casa BIanca John McCain la scelse come partner della campagna elettorale del 2008, candidandola alla vicepresidenza nel caso lui avesse vinto.

La donna non ha rivelato quanto incasserà per la pubblicazione del libro.

Quando ne fu annunciata la pubblicazione, la Palin spiegò in un'intervista all'Anchorage Daily News che le sarebbe piaciuto avere un "confronto senza filtri" e che (su di lei) "erano state dette e scritte troppe cose, da parte della stampa, senza che fossero verificate".

Durante la campagna elettorale, all'ex governatrice fu rimproverata la mancanza di esperienza e di essersi descritta come una "hockey mom" (la tipica mamma americana che accompagna i bambini a fare sport, ndr), e qualcuno aveva ironizzato sostenendo che l'unica cosa che distinguesse questa "hockey mom" da un pitbull era il rossetto.

L'ex regina di bellezza è stata anche presa in giro per aver detto di avere una credibile esperienza in politica estera grazie della vicinanza dell'Alaska alla Russia, dalla quale è separatA dal solo stretto di Bering. Anche la sua famiglia è finita sotto il fuoco dei media, quando sua figlia, diciottenne, diede alla luce un bimbo senza essere sposata.

Poi la Palin all'improvviso si dimise da governatrice, citando una serie di ragioni che la spingevano a lasciare - come il peso della fatica di combattere contro una ventina di accuse di immoralità, da lei liquidate come "sciocchezze", il desiderio di non essere etichettata come una governatrice debole e incapace e, tra le altre, l'aver ricevuto "una chiamata dall'alto".

 
<p>Sarah Palin. REUTERS/Nathaniel Wilder</p>