Scacchi del "Settimo Sigillo" venduti all'asta per 97.600 euro

martedì 29 settembre 2009 11:58
 

STOCCOLMA (Reuters) - Gli scacchi usati dal regista svedese Ingmar Bergman nel 1957 per il film "Il Settimo Sigillo" sono stati venduti ieri all'asta per un milione di corone, circa 97.600 euro.

Lo ha annunciato la casa d'aste Bukowski's.

Sono 337 gli oggetti che appartenevano a Bergman - morto nel 2007 a 89 anni - venduti a Stoccolma. L'incasso complessivo è stato di 18 milioni di corone (1,7 milioni di euro), dieci volte il prezzo di partenza.

Oltre agli scacchi, sono stati battuti all'asta premi cinematografici, un comodino contenente note scritte a mano da Bergman e la scrivania su cui il cineasta ha scritto molte delle sue sceneggiature.

Gli scacchi sono stati venduti ad un prezzo di 50 volte superiore al loro valore, nonostante mancasse il re bianco, danneggiato durante le riprese.

Bergman ha diretto più di 50 film. Tra i più famosi, "Sussurri e grida", "L'ora del lupo" e "Il posto delle fragole". "La fontana della vergine", "Come in uno specchio" e "Fanny e Alexander" gli hanno fruttato tre premi Oscar.