Sequestrati alimenti "non a norma" destinati a scuole e ospedali

mercoledì 23 settembre 2009 10:58
 

ROMA (Reuters) - Oltre 30 quintali di prodotti confezionati in dosi monouso per la prima colazione e destinati a mense di scuole e ospedali sono stati sequestrati dal Corpo forestale di Salerno.

Lo ha annunciato oggi il ministro delle Politiche agricole Luca Zaia in una nota, in cui ha definito i produttori di questi alimenti "pirati dell'agroalimentare".

L'operazione ha portato al sequestro di fette biscottate, brioches, marmellata, zucchero e biscotti alla panna, confezionati in dosi monouso e destinati ad aziende ospedaliere, mense scolastiche, ristoranti e società di trasporto pubblico di rilevanza nazionale, come si legge nel comunicato.

I prodotti, che venivano confezionati senza le previste autorizzazioni sanitarie, per conto di altre ditte che li commercializzavano a grosse società pubbliche, erano stoccati in un fabbricato agricolo di circa 700 metri quadri, utilizzato abusivamente per attività industriale e commerciale in provincia di Salerno.

E' "un grave attentato alla salute di bambini e malati. Questo conferma che i pirati dell'agroalimentare non si fermano davanti a niente", ha commentato Zaia.

"La fase due della tolleranza zero continua. Abbiamo aumentato le attività di intelligence e il sequestro di queste ore ne è la conferma".

L'operazione è stata eseguita dal personale del Comando Stazione di Foce Sele (Salerno) del Corpo forestale dello Stato, in località La Pila nel Comune di Capaccio.

Sono ancora in corso indagini per individuare gli altri acquirenti finali dei prodotti realizzati.

 
<p>Il ministro delle Politiche agricole Luca Zaia. REUTERS/ Dario Pignatelli (ITALY)</p>