16 settembre 2009 / 14:27 / 8 anni fa

Usa, chi non ha assicurazione spera riforma dia copertura medica

<p>Il presidente Usa Barack Obama riceve applausi prima del discorso sulla riforma sanitaria.Jim Young</p>

di Nick Carey

NEWARK, Ohio (Reuters) - Mentre prosegue il dibattito sulla riforma del sistema sanitario americano, molti statunitensi senza un'assicurazione medica -- uno su sei -- sperano che la riforma porti con sé almeno una cosa: una copertura abbordabile.

"Mi piacerebbe avere un'assicurazione medica che posso permettermi", ha detto Stuart Burrows, veterano della guerra in Vietnam che vive a Newark, una cittadina nel cuore dell'Ohio. "Rischio di perdere tutto ciò per cui ho lavorato se non riuscirò a pagare le spese mediche".

Burrows, 61 anni, ha raccontato di essere stato esposto in Vietnam all'agente Orange, una miscela tossica di erbicidi usata dall'esercito Usa per disboscare la foresta vietnamita che è stato messo in relazione a molte malattie.

Ora l'uomo, in pensione con una parziale disabilità dopo che a marzo si è sottoposto a un intervento per liberare le arterie da alcune ostruzioni, si trova a dover pagare un conto di decine di migliaia di dollari, dato che la sua disabilità prevede una copertura delle sole malattie legate al suo ruolo nell'esercito e non ha altre forme di assicurazione.

"Pensavo di aver raggiunto un momento in cui potermi riposare e poter avere delle proprietà", ha detto Burrows nel salotto di casa. "Ma invece non posso perché potrebbero prendersi la mia casa e buttarmi in mezzo a una strada".

Burrows è uno dei 46 milioni di americani -- su un totale di 300 milioni -- senza assicurazione sanitaria. La riforma del settore sanitario americano -- che vale 2.500 miliardi di dollari -- compresa l'introduzione di una copertura abbordabile per chi non è assicurato, è una delle massime priorità del presidente Barack Obama oltre che un importante banco di prova per la sua amministrazione.

Tra coloro che sono privi di assicurazione, molti ritengono che i piani di riforma siano confusi, anche se considerano insostenibile l'attuale sistema.

"Ho sentito un sacco di cose strane sulla riforma sanitaria e sono preoccupata di come il Paese potrà pagarla", ha detto Moira McKamey, 52 anni, disoccupata, del sudovest dell'Ohio. "Tuttavia il sistema sanitario versa in condizioni critiche e occorre fare qualcosa".

Secondo i sondaggi, gli americani sono divisi sui vari piani di riforma del sistema sanitario. Un sondaggio realizzato per Washington Post-Abc News e diffuso il 14 settembre mostra che il 46% degli intervistati è a favore della proposta di riforma di Obama e che il 48% si oppone. Un altro sondaggio Cnn/Opinion Research Corporation dello stesso giorno mostra che il 51% è favorevole e il 46% contrario.

Sondaggi che coinvolgano i non assicurati sono poco frequenti anche se una ricerca del maggio scorso realizzata da Rasmussen Reports tra gli elettori non assicurati mostrava un 56% secondo cui il sistema sanitario Usa era scarso e un 48% che raccontava che i costi sanitari li avevano costretti a non poter pagare l'estratto conto della carta di credito o le rate del mutuo.

Anche i 12 milioni o più di immigrati illegali negli Usa sono stati bersaglio degli attacchi contro il piano di riforma di Obama.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below