Ue, 30 città per guidare il mondo verso energia "intelligente"

mercoledì 16 settembre 2009 15:03
 

BRUXELLES (Reuters) - L'Europa selezionerà 30 città per sperimentare reti elettriche "intelligenti" e materiali isolanti futuristici, nel tentativo di porsi alla guida della corsa globale verso tecnologie "verdi".

E' quanto emerge dalla bozza di un documento dell'Unione europea.

Il settore dell'energia eolica dovrà spostarsi in mare aperto e arrivare entro il 2020 a fornire un quinto dell'energia necessaria all'Ue, riporta la bozza dell'atteso Piano strategico per le Tecnologie energetiche della Commissione europea.

Il cosiddetto Piano Set riguarda la strategia dell'Ue per la promozione di soluzioni hi-tech al problema del cambiamento climatico, per dare alle imprese europee una partenza avvantaggiata nel passaggio a un'energia pulita.

Sarà necessario investire miliardi nella ricerca per evitare di restare indietro rispetto agli Usa, che sta versando 777 milioni di dollari nella ricerca energetica, sottolinea una bozza del documento ottenuta da Reuters prima della sua pubblicazione prevista per il mese prossimo.

"La ricerca di base è costantemente sotto-finanziata in Europa", si legge nel rapporto. "E' necessario incentivare e stimolare i nostri migliori cervelli per ampliare le frontiere della scienza".

Il progetto prevede la scelta di 25-30 "città intelligenti", luoghi estremamente isolati che ricaveranno energia dai rifiuti, dal sole e dal vento per canalizzarla in automobili, tram e autobus elettrici.