Berlusconi: a Porta a Porta "per cortesia", volevo vedere Milan

martedì 15 settembre 2009 22:58
 

ROMA (Reuters) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, in riferimento alle polemiche di queste ore sull'uso della Rai per la copertura mediatica della consegna delle case in Abruzzo, ha detto di aver accettato di partecipare a 'Porta a Porta' "per cortesia", perché avrebbe preferito assistere alla partita del Milan, impegnato in Champions League.

"Questo strapotere -- ha detto il premier riferendosi a se stesso -- voleva che si registrasse alle cinque di pomeriggio perchè è anche proprietario del Milan che gioca stasera. Il Presidente del consiglio avrebbe voluto trepidare per la sua squadra".

"Per cortesia ho accettato di non vedere il Milan e venire qui", ha proseguito Berlusconi, che ha esordito con un "finalmente una buona notizia" quando il conduttore Bruno Vespa lo ha informato che i rossoneri hanno vinto 2-1 contro l'Olympique Marsiglia.

Per dare risalto alla cerimonia di consegna delle prime case in Abruzzo, la Rai ha anticipato la messa in onda di Porta a porta, con in diretta Berlusconi, e rimandato la prima trasmissione del programma Ballarò su Rai Tre, anch'esso dedicato alla ricostruzione in Abruzzo, suscitando infiniti commenti sul rapporto fra Berlusconi ed il mondo dell'informazione e sul suo conflitto di interessi sulle questioni televisive. Paradossalmente su Canale 5 è saltata una puntata di Matrix dedicata alla libertà di stampa.

Durante la trasmissione, il giornalista Piero Sansonetti ha sottolineato come ci sia stato uno sbaglio da parte della Rai di far slittare le altre trasmissioni in favore di Porta a Porta, considerata più "filogovernativa", sostenendo che Berlusconi avrebbe dovuto intervenire.

In risposta, il conduttore Bruno Vespa ha spiegato che "è tradizione che Raiuno faccia informazione in prima serata solo in casi particolari e la consegna della case in un tempo così breve è un fatto eccezionale".

"Sabato la direzione generale ha ritenuto l'evento meritevole ed è consuetudine che non ci siano due trasmissione sullo stesso argomento. Così si è spostato Ballarò", ha aggiunto Vespa, chiedendo poi a Sansonetti se avesse mai scritto un pezzo a suo favore quando secondo lui fu "epurato" negli anni '90.

 
<p>Silvio Berlusconi in una immagine di archivio. REUTERS/Remo Casilli</p>