Venezia, Clooney scherza sulla sua presunta omosessualità

martedì 8 settembre 2009 14:21
 

VENEZIA (Reuters) - George Clooney si conferma mattatore anche nei fuori programma, scherzando sulla propria presunta omosessualità alla 66esima Mostra Internazionale del cinema di Venezia.

E' successo oggi durante la conferenza stampa per la presentazione del film fuori concorso "The Men Who Stare at Goats", del regista Grant Heslov, in cui Clooney -- che recita insieme a Ewan Mc Gregor, Kevin Spacey e Jeff Bridges -- veste la divisa di ufficiale di un reparto militare speciale che fa uso di poteri paranormali.

Quando un giornalista di un sito web di informazione gay gli ha chiesto se esiste la possibilità che un giorno decida di sposare un uomo, Clooney ha mantenuto il suo sottile buonumore, rispondendo ironicamente: "Io e Grant (Heslov) siamo qui proprio per annunciare il nostro matrimonio!"

"Adesso proverò a leggerle nel pensiero", ha aggiunto poi l'attore, facendo riferimento al proprio ruolo nel film.

Poco dopo un altro giornalista -- che ha dichiarato di non aver visto il film -- si è lanciato in una serie di complimenti nei confronti di Clooney, prima di togliersi la camicia rimanendo, ansimante, in cravatta a torso nudo e dichiarargli il suo amore.

"E' un peccato quando si ha grande occasione ma si spreca o non funziona", ha detto allora l'attore americano. "Resta lì comunque, che arriviamo ... C'è un'ambulanza in arrivo. Sei bello comunque".

 
<p>L'attore Usa George Clooney (a destra) davanti ai fotografi al Festival del Cinema di Venezia. REUTERS/Alessandro Bianchi (ITALY ENTERTAINMENT)</p>