Grecia, incendi sotto controllo ma governo sotto accusa

martedì 25 agosto 2009 12:55
 

ATENE (Reuters) - Gli incendi che nei giorni scorsi sono divampati nei sobborghi di Atene, costringendo migliaia di persone ad abbandonare le loro case, sono stati domati, ma la gestione dell'emergenza da parte del governo greco è diventata un terreno di scontro elettorale.

La maggioranza conservatrice, che già l'anno prossimo dovrà affrontare le elezioni, dà la colpa ai venti molto forti, che hanno reso difficile fronteggiare gli incendi che sono divampati nell'Attica orientale distruggendo foreste e più di 150 case.

"Se quello che è successo nell'Attica è il meglio che questo governo può fare, allora è ovvio che dobbiamo sostituirlo urgentemente", scrive il quotidiano Ethnos, di area liberale, nel suo editoriale principale.

Il primo ministro Costas Karamanlis è sostenuto da una maggioranza di un solo seggio e l'opposizione socialista, che i sondaggi danno in testa, ha detto chiaramente che a marzo - quando il Parlamento voterà per eleggere un nuovo presidente - pretenderà nuove elezioni.

"Errori fatali e mancanze" , titola in apertura Kathimerini, quotidiano conservatore. Il giornale scrive che le autorità hanno commesso gli stessi errori del 2007, quando gli incendi - i peggiori mai scoppiati in Grecia - uccisero 65 persone, principalmente nel Peloponneso.

 
<p>Un velivolo antincendio impegnato a estinguere le fiamme in un paese a nord di Atene. REUTERS/Yiorgos Karahalis (GREECE DISASTER ENVIRONMENT IMAGES OF THE DAY)</p>