Una birra al giorno può aumentare rischio tumori, dice studio

lunedì 24 agosto 2009 11:21
 

NEW YORK (Reuters) - Chi beve regolarmente birra o liquori potrebbe essere più facilmente soggetto a diversi tipi di tumore, almeno secondo uno studio canadese.

Alcuni ricercatori dell'Università McGill di Montreal hanno condotto un'indagine su circa 3.600 canadesi tra i 35 e i 70 anni e hanno scoperto che chi ha dichiarato di bere alcolici in media una volta al giorno, ha una probabilità maggiore di ammalarsi di alcuni tipi di cancro -- all'esofago, allo stomaco, al colon, al pancreas, al fegato, alla prostata e ai polmoni -- rispetto agli astemi e ai bevitori occasionali.

Quanto al tipo di alcolici, gli studiosi hanno scoperto che solo la birra e i super alcolici, e non il vino, sono connessi a un maggiore rischio di tumore.

In generale, le probabilità aumentano in relazione al consumo di alcol nel corso della vita di una persona, riporta lo studio pubblicato sul Cancer Prevention and Detection.

Per certi tipi di tumore inoltre, è emerso che chi beve almeno una volta al giorno tende ad avere più probabilità di ammalarsi rispetto a chi beve regolarmente ma meno di una volta al giorno.

Per quanto riguarda il cancro all'esofago ad esempio, è risultato che chi beveva da una a sei volte a settimana aveva una probabilità maggiore dell'83% di ammalarsi rispetto agli astemi e ai bevitori più moderati, mentre il rischio era triplo per chi beveva ogni giorno.

Concentrandosi sui bevitori quotidiani, il rischio tende ad aumentare con il numero di anni di assunzione giornaliera di alcolici.

"I risultati mostrano che i maggiori consumatori corrono rischi più elevati di sviluppare un tumore in diversi punti", ha detto a Reuters la dottoressa Andrea Benedetti.

Molti studi hanno dimostrato che bere in modo moderato -- di solito non più di una o due dosi al giorno -- può essere una buona abitudine, soprattutto per quanto riguarda il rischio di problemi cardiaci.   Continua...

 
<p>Un barista spilli birra in un pub. REUTERS/Murad Sezer</p>