Reader's Digest chiede protezione dai creditori per attività Usa

lunedì 17 agosto 2009 18:02
 

NEW YORK (Reuters) - Reader's Digest Association, casa editrice della rivista Reader's Digest, ha annunciato oggi che intende avviare la procedura Chapter 11, di protezione dai creditori, per le attività negli Usa al fine di ridurre i suoi debiti.

La compagnia, nota in tutto il mondo per la rivista di attualità che porta il suo stesso nome, sta cercando di abbattere i costi e incentivare la crescita da quando è stata privatizzata nel 2007, dopo l'acquisto da parte di un gruppo investitore condotto da Ripplewood Holdings LLC.

La procedura di fallimento avverrà nella forma della cosiddetta bancarotta pilotata, ha detto Reader's Digest in una nota. Questo tipo di procedura viene applicata quando una società ha già raggiunto un accordo con i propri creditori per tagliare i debiti.

L'operazione riguarderà soltanto le attività statunitensi della compagnia, mentre Canada, America Latina, Europa, Asia, Africa e Australia- Nuova Zelanda non saranno interessate.

"Ridurre i nostri debiti ci consentirà di avere la flessibilità finanziaria necessaria a portare avanti la nostra crescita e le iniziative di trasformazione" ha detto in una nota Mary Berner, presidente e AD della compagnia.

Reader's Digest si definisce la rivista a pagamento con la maggiore circolazione in tutto il mondo.