Mike Tyson dice di non saper come gestire la morte della figlia

venerdì 14 agosto 2009 14:42
 

LOS ANGELES (Reuters) - L'ex campione mondiale dei pesi massimi di boxe Mike Tyson dice di non sapere ancora come affrontare la morte accidentale di sua figlia di quattro anni, avvenuta lo scorso maggio, che definisce "un momento buio della mia vita".

Ma nelle prime dichiarazioni pubbliche sulla morte della bambina, Tyson ha detto alla trasmissione televisiva "Entertainment Tonight" che la sua nuova carriera da attore lo sta aiutando.

L'ex pugile comparirà come guest star nella commedia "Brothers" di Fox, che uscirà a breve.

"Mi stavo davvero facendo del male per la morte di mia figlia. Rimanevo a casa, depresso; è stato un momento buio della mia vita. (Recitare) mi mantiene attivo", ha detto in un'intervista trasmessa ieri.

La figlia di Tyson, Exodus, è morta lo scorso maggio, accidentalmente strangolata da una corda che usciva da un tapis roulant da corsa nella casa di sua madre in Arizona.

Era una dei sei figli che l'ex pugile ha avuto con sei donne diverse.

"Sto lavorando per affrontarlo. Ho parlato con molte persone. Sono diventato membro di un club esclusivo di cui nessuno vuole entrare a far parte", ha detto Tyson.

"Mi hanno detto che il dolore non se ne va mai, ma che si supera. Sto compiendo un percorso, sto cercando di far rimarginare le ferite. Non dico niente perché non so come gestire la situazione. Apprezzo l'aiuto di tutti quelli che mi hanno dato sostegno".

Poco dopo la morte di Exodus, Tyson, 43 anni, si è sposato a Las Vegas con la sua fidanzata Lakiha Spicer. E' il suo terzo matrimonio.

Tyson si è ritirato dalla boxe nel 2005 dopo una carriera marcata dalle polemiche. Quest'anno è stato il soggetto di un film, "Tyson", ed è comparso in un cameo nel film "The Hangover".

 
<p>Mike Tyson in una foto d'archivio. REUTERS/Ramin Rahimian (UNITED STATES)</p>