August 12, 2009 / 1:07 PM / 8 years ago

F1, Schumacher: duro rinunciare a tornare in pista

3 IN. DI LETTURA

<p>L'ex pilorta di Formula Uno Michael Schumacher.Denis Balibouse</p>

di Brian Homewood

GINEVRA (Reuters) - Il sette volte campione del mondo, Michael Schumacher, ha definito oggi la sua rinuncia a tornare in Formula Uno "uno dei momenti più difficili" della sua carriera.

Il pilota tedesco, che ha ancora male al collo per un incidente in moto dello scorso febbraio, si è rifiutato di parlare di un suo eventuale ritorno in pista per il futuro e ha detto che il pericolo fa parte della sua personalità.

"E' un momento molto triste per me", ha detto oggi Schumacher durante una conferenza stampa. Ieri il sette volte campione del mondo ha rinunciato a tornare temporaneamente in pista con la Ferrari in sostituzione del brasiliano Felipe Massa, vittima di un incidente durante un Gp.

"Credo sia uno dei momenti più difficili della mia carriera", ha aggiunto.

Schumacher, che si è fatto male al collo e alla testa nell'incidente in moto di inizio anno, avrebbe dovuto tornare in pista in occasione del Gran premio di Valencia del prossimo 23 agosto.

La Ferrari ieri ha annunciato che il posto di Massa verrà preso dal collaudatore Luca Badoer.

"Sappiamo tutti che andare in moto è in qualche modo pericoloso ma questo fa parte della mia natura, questo è ciò che sono", ha spiegato Schumacher, che ha detto addio alla Formula Uno nell'ottobre del 2006.

"Sono molto deluso di non poter fare quel che non vedevo l'ora di fare, e ci penso continuamente", ha aggiunto.

Dolore

Schumacher ha aggiunto che non è stato difficile tornare di nuovo in forma e che gli è venuto naturale guidare una macchina da Formula Uno. Tuttavia il dolore è tornato a farsi sentire la scorsa settimana al Mugello.

"Salire in auto e guidare è stato del tutto naturale", ha detto il pilota tedesco. "Non ho avuto alcun problema ad adattarmi ma ho sentito dolori al collo molto forti", ha raccontato.

"Abbiamo fatto il possibile ma non ha funzionato", ha ribadito il tedesco.

"Ci eravamo impegnati molto seriamente, abbiamo fatto tutto quello che potevamo, ma abbiamo sempre detto che l'avrei fatto a condizione che fossi pronto, e purtroppo così non è".

Il medico del pilota, il dottor Johannes Peil, ha aggiunto: "Credo che per Michael sia possibile fare molti sport".

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below