Hacker colpisce siti olandesi con slogan contro leader destra

domenica 2 agosto 2009 16:15
 

di Ben Berkowitz

AMSTERDAM (Reuters) - Un hacker turco ha deturpato decine di siti olandesi con slogan filo-islamici e foto che ritraevano il politico di destra olandese Geert Wilders come una scimmia. Lo ha reso noto un sito web che traccia gli attacchi hacker in Rete.

Wilders, un ex assicuratore divenuto esponente politico e anche regista, ha una posizione anti-europeista e anti-islamica, ed è il leader del Partito della Libertà olandese, che alle prossime elezioni politiche del 2010 potrebbe diventare la prima formazione politica dei Paesi Bassi.

L'hacker, che usa il nomignolo "aLpTurkTegin", ha scritto su alcuni siti: "La nostra guerra continuerà contro coloro che sono contrari alla vera religione dell'Islam". Su alcune pagine web l'hacker ha postato un logo firmato "Turkish Defacer".

Le foto di Wilders variano, ma in genere naso e/o bocca sono state sostituite con quelli di una scimmia.

Secondo il sito web Zone-H, che traccia gli attacchi di hacker, aLpTurkTegin ha colpito almeno 147 siti nell'ultima settimana, la maggior parte delle quali con pagine anti-Wilders. L'ultimo attacco registrato risale a venerdì scorso.

"E' una pazzia, ma che posso farci", ha detto oggi Wilders a Reuters in un'intervista telefonica. "Comunque è molto grave".

Wilders ha detto che gli ultimi attacchi hanno alcune similarità con un attacco avvenuto sul suo sito l'anno scorso, anche se non è chiaro se l'autore sia lo stesso.

In particolare Wilders si oppone all'influenza dell'Islam sulla cultura europea e all'adesione della Turchia alla Ue. Per le sue posizioni il Regno Unito gli ha vietato l'ingresso sul proprio territorio, e nei Paesi Bassi è stato denunciato.

L'uomo politico dorme in luoghi diversi e viaggia scortato da guardie del corpo. Secondo un sondaggio diffuso oggi, il suo partito potrebbe guadagnare 31 seggi in Parlamento alle elezioni del 2010, piazzandosi al secondo o addirittura al primo posto.

 
<p>Il leader della destra olandese Geert Wilders. REUTERS/Scanpix/Jens Noergaard Larsen</p>