Morte Jackson, polizia perquisisce casa medico per seconda volta

martedì 28 luglio 2009 22:16
 

LOS ANGELES (Reuters) - La polizia ha perquisito oggi la casa e l'ufficio di Las Vegas del medico personale di Michael Jackson nell'ambito di un'indagine sull'improvvisa morte dell'artista, sempre più focalizzata sul ruolo del dottore che era al suo fianco quando è deceduto.

Si tratta del secondo raid per il dottor Conrad Murray in meno di una settimana, mentre i detective cercano indizi sulle cause della morte del cantante, avvenuta lo scorso 25 giugno.

L'avvocato di Murray aveva detto dopo il primo raid della scorsa settimana che la polizia e gli agenti della Dea cercavano "prove del reato di omicidio colposo".

L'inchiesta sembra ora focalizzarsi sull'uso da parte di Jackson di farmaci su prescrizione, in particolare di un anestetico, e sul ruolo di Murray nel procacciamento dei medicinali.

Rusty Payne, portavoce della Drug Enforcement Agency Usa, ha detto che agenti federali, polizia di Las Vegas e agenti di Los Angeles sono entrati nella casa di Las Vegas di Murray e nel vicino ufficio stamani alla ricerca di documenti, ma senza specificare ulteriormente.

Il sito Web di celebrity TMZ ha scritto che Murray ha riferito alla polizia di Los Angeles di aver somministrato l'anestetico propofol a Jackson solo poche ore prima della morte.

Gli anatomo-patologi di Los Angeles hanno riferito di aspettarsi di emettere una rapporto sulle cause della morte di Jackson questa settimana, dopo gli esiti degli esami tossicologici.