Jackson, perquisizioni nella clinica del suo medico

mercoledì 22 luglio 2009 19:00
 

HOUSTON (Reuters) - Funzionari della Drug Enforcement Administration (DEA) statunitense hanno perquisito una clinica di Houston di cui è proprietario Conrad Murray, il medico personale dello scomparso Michael Jackson che era presente nel momento in cui la popstar è morta.

Lo riferiscono media locali.

Jackson, 50 anni, è morto per un arresto cardiaco nella sua casa in affitto di Los Angeles il 25 giugno scorso, appena poche settimane prima del suo ritorno sulle scene, con una serie di concerti previsti a Londra.

Almeno una dozzina di agenti della DEA e funzionari del dipartimento di polizia di Los Angeles sono entrati all'Armstrong Medical Clinic nella zona nordest di Houston, secondo un'affiliata locale di ABC News.

Né un portavoce DEA né Murray sono stati raggiungibili per un commento.

Murray, nel corso delle indagini sulla morte del cantante, ha detto alla polizia di non aver iniettato a Jackson analgesici prima dell'attacco cardiaco.