Cantante Chris Brown chiede perdono per aggressione a Rihanna

martedì 21 luglio 2009 10:18
 

LOS ANGELES (Reuters) - Il cantante R&B Chris Brown ha fatto, per la prima volta, le sue pubbliche scuse per l'aggressione alla sua ex fidanzata Rihanna, descrivendo la sua perdita di controllo come "inaccettabile al 100%" e chiedendo perdono anche ai suoi fan.

Brown, 20 anni, è apparso in un video di due minuti, durante il quale ha dichiarato che avrebbe voluto parlare prima, ma di essere stato sconsigliato, in tal senso, dai suoi avvocati.

Il cantante di successi come "Run It" and "Kiss Kiss", è stato considerato colpevole di aver picchiato Rihanna, a Los Angeles, alla vigilia dei Grammy Award dello scorso febbraio. Brown dovrebbe essere condannato a cinque anni con la condizionale ad agosto.

"L'ho già detto a Rihanna un'infinità di volte e ora lo sto dicendo anche a voi. Sono veramente dispiaciuto di non aver saputo gestire la situazione in maniera differente e migliore", ha detto Brown nel videomessaggio, pubblicato dal sito dedicato alle celebrità Tmz.com.

L'aggressione nei confronti di Rihanna, 21 anni, è costata alla cantante di "Umbrella" delle escoriazioni e delle ferite sul volto. La brutalità dell'aggressione ha sbalordito tanto i fan di Brown quanto l'industria della musica, all'interno della quale il ragazzo era visto come un modello , e ha acceso nuovamente il dibattito sulle violenze domestiche che coinvolgono i giovani.

"Sono molto dispiaciuto e mi vergogno profondamente per quello che ho fatto", ha detto Brown. "Come molti di voi sapranno, sono cresciuto in una famiglia dove ci sono stati episodi di violenza domestica, quindi conosco bene quali possono essere gli effetti della rabbia incontrollata", ha concluso Brown, la cui relazione con Rihanna è terminata proprio a causa di questa aggressione.

 
<p>Chris Brown oggi in tribunale a Los Angeles. REUTERS/Lori Shepler/Pool (UNITED STATES ENTERTAINMENT)</p>