Bono degli U2: il Ghana sta dando un "nuovo volto" all'Africa

venerdì 10 luglio 2009 12:13
 

di Peter Cooney

WASHINGTON (Reuters) - Quando Barack Obama arriverà in Ghana oggi per la sua prima visita nell'Africa sub-sahariana da presidente, il nuovo volto dell'America incontrerà "il nuovo volto dell'Africa".

Lo ha detto Bono, musicista irlandese e attivista contro la povertà.

In un articolo del New York Times di oggi, qualche ora prima dell'arrivo di Obama in Ghana, Bono ha scritto che se il primo presidente nero d'America avesse voluto fare un viaggio sentimentale in Africa, "avrebbe dovuto andare in Kenya", paese natale di suo padre.

"Ha fatto una scelta diversa ed è stato piuttosto chiaro sul motivo", ha aggiunto Bono.

"Nonostante l'indescrivibile bellezza del Kenya ... la corruzione e i disordini politici ancora presenti nel Paese confermano troppi dei titoli che in Occidente leggiamo sull'Africa".

"Il Ghana li confonde", ha scritto Bono, leader degli U2, attivo da tempo in campagne contro la povertà e l'Aids in Africa.

"Senza dare nell'occhio, in modo modesto -- ma anche eroicamente -- il Ghana sta lavorando per dare una nuova immagine al continente. Il nuovo volto dell'America incontra il nuovo volto dell'Africa".

Bono ha spiegato che il paese dell'Africa occidentale è uno stato con un governo saldo, in cui il potere è stato ceduto in modo pacifico alle ultime elezioni e che sta anche resistendo alla crisi economica globale.   Continua...