Nuovo film per Michael Moore all'insegna di desiderio e passione

venerdì 10 luglio 2009 09:29
 

LOS ANGELES (Reuters) - Il regista americano Michael Moore ha impresso al suo nuovo documentario una nota di romanticismo, intitolandolo "Capitalismo: una storia d'amore".

Moore, che ha puntato il dito contro l'amministrazione Bush in "Fahrenheit 9/11" e contro il sistema sanitario in "Sicko", nel suo nuovo film -- che dovrebbe uscire il 2 ottobre -- si concentrerà sulla crisi economica.

Il regista ha detto in una nota che è giunto il momento di realizzare "un film sulle relazioni".

"Avrà tutto: desiderio, passione, romanticismo, e 14.000 posti di lavoro che vengono eliminati ogni giorno", ha spiegato.

La casa che distribuirà il film ha detto che Moore, 55 anni, è tornato su un tema che ha affrontato all'inizio della sua carriera: il disastroso impatto che il dominio delle aziende e i profitti fuori controllo hanno sulle vite degli americani e di altri cittadini.

Moore ha già affrontato un tema legato all'economia in "Roger and Me" del 1989, in cui ha documentato gli effetti del declino della General Motors a Flint, nel Michigan.

Moore ha vinto un Oscar nel 2003 per il suo documentario sulle armi "Bowling for Columbine", a cui è seguito l'anno successivo "Fahrenheit 9/11", che ha fatto a pezzi l'ex presidente Usa George W. Bush e la guerra al terrorismo, diventando un grande successo anche al botteghino.

 
<p>Il regista americano Michael Moore REUTERS/Vincent Kessler</p>