Censis: per superare crisi puntare su donne, anziani e immigrati

mercoledì 8 luglio 2009 13:54
 

MILANO (Reuters) - Donne, immigrati e anziani possono rappresentare una risorsa utile per superare la crisi economica che ha investito, tra gli altri, anche l'Italia.

E' la proposta lanciata oggi dall'istituto di ricerca Censis precisando che per uscire dalla crisi bisogna andare oltre quello che definisce "l'adattamento", ovvero "il sistema su cui per decenni la società italiana ha impostato il suo sviluppo e che oggi ha esaurito la sua spinta vitale".

Secondo il rapporto del Censis, gli anziani -- gli over 65 sono attualmente 11,9 milioni e gli ultraottantenni 3,2 milioni, con un incremento del 30,6% rispetto al 2002 -- costituiscono un enorme serbatoio di risorse in termini di disponibilità a partecipare alla vita di comunità e sono fortemente coinvolti nella soluzione dei problemi della comunità di appartenenza.

Altro punto di forza sono gli imprenditori immigrati: con 243.000 imprese individuali con titolare extracomunitario in Italia -- nel primo trimestre 2009 sono aumentate del 6,3% rispetto al primo trimestre 2008, mentre lo stock complessivo di imprese individuali ha subito una contrazione di quasi l'1% -- "il contributo di questi piccoli imprenditori è prezioso in termini di valore aggiunto, ormai vicino al 10% del Pil", si legge nel rapporto.

Per quanto riguarda l'universo femminile, l'istituto sottolinea come "le imprese individuali guidate da donne evidenziano una migliore tenuta rispetto a quelle con a capo uomini".

"Nella selezione del personale tendono a privilegiare la disponibilità ad assumersi responsabilità (90,3%), l'orientamento agli altri (89,3%), la capacità di ascolto (88,7%), la rettitudine (87,3%)".

 
<p>Censis: per superare crisi puntare su donne, anziani e immigrati. REUTERS/Ints Kalnins</p>