Nuoto, ambizioni limitate per Phelps dopo i record di Pechino

martedì 7 luglio 2009 10:22
 

Di Steve Keating

INDIANAPOLIS (Reuters) - Michael Phelps, che 12 mesi fa ha stabilito il record olimpico con otto medaglie d'oro conquistate, ha l'unico obiettivo, per quanto riguarda i campionati nazionali americani di questa settimana, di centrare la qualificazione ai mondiali di nuoto che si terranno a Roma dal 17 luglio al 2 agosto.

Molto è cambiato per Phelps in questi movimentati 12 mesi.

Dopo aver battuto ogni record a Pechino, il nuotatore 24enne ha vissuto un periodo difficile e ha pensato addirittura al ritiro, dopo essere stato sospeso per tre mesi a causa di una foto che lo ritraeva mentre fumava marijuana.

Ma un Phelps nuovamente motivato tornerà in vasca per affrontare il primo vero test probante dopo le Olimpiadi di Pechino, ovvero i campionati nazionali, che servono, tra l'altro, anche come selezione per partecipare ai prossimi mondiali di Roma.

Sembra impensabile che un nuotatore che detiene lo straordinario palmares di 14 ori olimpici e 17 ori mondiali possa essere preoccupato di un evento come le selezioni per far parte del team Usa che parteciperà ai prossimi mondiali di nuoto.

Ma questi trials destano preoccupazione per Phelps per via del suo processo di trasformazione da nuotatore tuttofare a sprinter specialista.

Il suo ritorno alle competizioni, con tante vittorie quante sconfitte, costringe Phelps ad essere molto cauto e a non dare per scontata la qualificazione ai mondiali nelle competizioni cui prenderà parte, ovvero i 100 e 200 stile libero e i 100 e 200 farfalla.

Per poter strappare il biglietto per i mondiali, Phelps deve arrivare tra i primi due in ogni evento che si svolgerà al Natatorium.

"Non è importante se sono o meno il favorito", ha detto Phelps ai giornalisti.

"L'unica cosa che voglio è poter competere con i migliori, anche se sono più veloci di me. Nei 100 stile so di non essere il migliore, ma avrò l'opportunità di affrontare i migliori, e questo è quello che ho sempre voluto", ha detto il campione americano.