Corea del Sud, professore di matematica fa fortuna online

giovedì 2 luglio 2009 12:34
 

Di Jon Herskovitz e Christine Kim

SEOUL (Reuters) - Per essere un insegnate che vede i suoi allievi solo online e mai dal vivo, il sudcoreano Woo Hyeong-cheol guadagna decisamente bene, 4 milioni di dollari all'anno per l'esattezza.

Pur non essendo legato ad alcun istituto che faccia parte del sistema scolastico ufficiale, il 46enne professore di matematica è considerato uno dei migliori insegnanti del paese, con i suoi corsi on line che sono conosciuti, tra gli adolescenti, come le migliori serie tv.

"I professori sono preoccupati di creare una morale negli allievi. Noi ci focalizziamo sul far ottenere migliori voti agli studenti nel più breve tempo possibile. Ecco perché ci cercano e perché siamo popolari", ha detto Woo, che guadagna più di quasi tutti i più importanti giocatori di baseball della lega nazionale.

La maggior parte del suo stipendio arriva da classi online che sono facilmente accessibili in Corea del Sud, il paese con la migliore rete del mondo, dove più del 90% degli abitanti è in grado di ricevere internet a banda larga.

I ragazzi sudcoreani seguono questi corsi, spesso, per almeno 10 o 12 ore al giorno, per prepararsi agli esami di ingresso per le migliori università, che possono aprire loro le porte di una carriera d'elite o trasformarli in un buon partito al momento di sposarsi.

Lo scorso anno quasi tre studenti su quattro hanno svolto una qualche forma di corso privato dopo le ore di scuola. La cifra spesa per questi corsi e per i tutor ha raggiunto i 16,33 miliardi di dollari, stando a quanto riporta il National Statistical Office.

Woo, soprannominato "la pala" per le sue minacce di colpire gli studenti poco diligenti con grandi oggetti metallici, posta le sue lezioni su internet e gli utenti che pagano per accedere a questi corsi si aggirano ormai sui 50 mila.

Il professore combina senso dell'umorismo, intimidazioni e soprattutto linee guida su come trovare le risposte corrette ai difficili quiz matematici dei test d'ingresso delle università.

"Penso di potermi fidare di lui fino al gran giorno", ha scritto sul web uno studente anonimo.

 
<p>Un uomo in un internet caf&egrave; in Corea del Sud. To match feature KOREA-INTERNET REUTERS/Jo Yong-Hak (SOUTH KOREA)</p>