Salute, per vegetariani minore probabilità di cancro

mercoledì 1 luglio 2009 14:48
 

LONDRA (Reuters) - I vegetariani hanno una probabilità inferiore del 12% di ammalarsi di cancro rispetto a chi mangia la carne, e la differenza è ancora più marcata quando si parla di tumori del sangue.

Lo hanno detto oggi alcuni studiosi britannici.

Ricerche precedenti avevano già dimostrato che il consumo elevato di carni rosse e trattate è connesso ad un maggior rischio di sviluppare un tumore allo stomaco, e il nuovo studio, condotto su oltre 60.000 persone, ha confermato un rischio inferiore di cancro sia allo stomaco che alla cistifellea per i vegetariani.

Ma la differenza più significativa e sorprendente riguarda i tumori del sangue -- come leucemia, mieloma multiplo e linfoma non Hodgkin -- per cui il rischio di ammalarsi è risultato più basso del 45% nei vegetariani rispetto a chi mangia carne.

"Sono necessari ulteriori studi per comprovare questi risultati e scoprire le ragioni di queste differenze", ha detto Tim Key, autore della ricerca del dipartimento britannico di epidemiologia per la ricerca sul cancro all'Università di Oxford.

Key e i suoi colleghi, le cui scoperte sono state pubblicate sul British Journal of Cancer, hanno monitorato 61.000 vegetariani e carnivori per oltre 12 anni, durante i quali a 3.350 partecipanti è stato diagnosticato un tumore.

Dallo studio, che ha preso in considerazione 20 diverse tipologie di cancro, è emerso che i diversi livelli di rischio sono indipendenti da altri fattori -- come fumo, consumo di alcolici e obesità -- che possono far aumentare le probabilità di sviluppare un tumore.

 
<p>Gente in fila per pasti vegetariani a Singapore. REUTERS/Tim Chong (SINGAPORE)</p>