1 luglio 2009 / 09:10 / tra 8 anni

Olio, da oggi l'etichetta Ue per riconoscere la provenienza

MILANO (Reuters) - Da oggi l‘olio extravergine made in Italy sarà riconoscibile in tutta Europa dall‘etichetta, su cui dovrà essere indicata la provenienza delle olive impiegate, in una mossa volta a combattere le truffe e garantire la trasparenza alle scelte di acquisto dei consumatori.

<p>Un'insalata condita con olio d'oliva in un ristorante di Roma. REUTERS/Dario Pignatelli</p>

Lo riferisce Coldiretti in una nota.

Con l‘entrata in vigore del regolamento comunitario n.182 del 6 marzo -- che da oggi obbliga ad indicare in etichetta la provenienza delle olive impiegate per produrre l‘olio vergine ed extravergine di oliva in commercio -- il vero olio italiano sarà riconoscibile grazie a scritte come “ottenuto da olive italiane”, “ottenuto da olive coltivate in Italia” o “100 % da olive italiane”, spiega Coldiretti.

Sull‘etichetta sarà segnalato inoltre se l‘extravergine è ottenuto da “miscele di oli di oliva comunitari”, “miscele di oli di oliva non comunitari” o di “miscele di oli di oliva comunitari e non comunitari”.

L‘indicazione della provenienza, continua Coldiretti, consente non soltanto di evitare le truffe, ma anche di valorizzare gli oliveti del nostro Paese che -- con 38 denominazioni (Dop/Igp) riconosciute dall‘Ue e una produzione di 630 milioni di Kg nell‘annata 2008/2009 -- è il secondo produttore europeo di olio di oliva dopo la Spagna.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below