Formula Uno, per Mosley rottura non ancora scongiurata

venerdì 26 giugno 2009 18:37
 

LONDRA (Reuters) - La minaccia di una rottura nel mondo della Formula Uno non è ancora scongiurata malgrado l'accordo annunciato in settimana. Lo ha detto oggi il capo delle corse Max Mosley.

Il giorno dopo aver ventilato che l'accordo potrebbe fallire se il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo non si scuserà per i commenti fatti su di lui, il presidente della Federazione Internazionale dell'Automobile (Fia) ha prefigurato ulteriori complicazioni.

In due lettere separate, ha invitato i membri della Fia a restare fermi nelle proprie posizioni rispetto alla Formula One Teams Association (Fota) e ai costruttori che stanno dietro a loro.

"La Fia deve essere libera di confrontarsi con l'industria automobilistica quando necessario", ha detto Mosley al consiglio Fia che mercoledì scorso ha deciso di siglare l'accordo. "Non ci sono dubbi sul fatto che fronteggiamo un periodo difficile", ha aggiunto il britannico, che aveva preannunciato l'intenzione di lasciare in ottobre ma ieri ha affermato che terrà aperta ogni opzione dopo i commenti da parte di membri Fota circa la necessità che il suo successore sia più indipendente.

"Questo potrebbe avere come conseguenza problemi per la Formula Uno. E' possibile che la Fota lanci una serie indipendente. E' nel suo diritto, in base al codice sportivo internazionale", ha aggiunto Mosley. "Ma il campionato mondiale di Formula Uno continuerà a essere gestito dalla Fia come è stato per 60 anni".

"Il campionato ha avuto tempi difficili in passato e non c'è dubbio che risuccederà in futuro ma non c'è ragione di cedere il controllo a un organismo esterno, ancor meno a uno che non ha alcuna comprensione dell'etica sportiva e sotto il controllo di un'industria che abbiamo costantemente monitorato".

 
<p>Il presidente della Fia Max Mosley. REUTERS/Gareth Watkins</p>