Lavoratori stranieri più pagati in Asia, peggio in Usa, Gb

giovedì 25 giugno 2009 13:44
 

di Miral Fahmy

SINGAPORE (Reuters) - Vuoi un tenore di vita alto nonostante la crisi? Conviene trasferirsi verso est, almeno secondo un sondaggio da cui emerge che alcuni degli espatriati che guadagnano di più vivono in Asia e in Medio Oriente.

Un terzo di tutti gli espatriati in Russia -- la percentuale più elevata di tutto il mondo -- guadagna più di 250.000 dollari all'anno, seguiti a poca distanza dagli stranieri trasferitisi in Giappone e Qatar. Lo rivela l'indagine Expat Explorer del 2009, commissionata da Hsbc Bank International, divisione che si occupa di servizi finanziari di Hsbc Holdings.

Tra un terzo e un quarto degli stranieri che lavorano ad Hong Kong, negli Emirati Arabi Uniti, in Thailandia e in India guadagnano annualmente più di 200.000 dollari, mentre paesi come Malaysia, Cina e India sono risultati i più economici dove trovare alloggio.

"L'Asia ospita gli stranieri meglio pagati di tutto il mondo, con un espatriato su quattro che guadagna più di 200.000 dollari all'anno", rivela l'indagine (here).

La Russia è risultata al primo posto in assoluto per gli espatriati in termini di ricchezza. Gli altri paesi nella top ten sono tutti in Asia e in Medio Oriente.

Mettere da parte dei soldi è uno degli obiettivi di molte persone che decidono di vivere all'estero, e l'indagine ha evidenziato che Arabia Saudita, Russia, Qatar, India ed Emirati Arabi Uniti sono i cinque paesi in cui gli espatriati hanno visto crescere di più i propri risparmi.

Ma la crisi economica globale ha dato un duro colpo agli stranieri espatriati in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, dove quasi un quarto sta valutando di tornare nel proprio Paese, rispetto al 15% globale, a causa dell'elevato costo della vita e degli stipendi troppo bassi.

Salari interessanti sono piuttosto rari anche in Australia e in Belgio, riporta l'indagine. Oltre il 60% degli espatriati in questi Paesi guadagna infatti meno di 100.000 dollari, rispetto alla media globale del 35%.