Svizzera, ghiacciai si stanno sciogliendo a velocità massima

lunedì 22 giugno 2009 14:52
 

ZURIGO (Reuters) - I ghiacciai della Svizzera si sono ridotti del 12% nel corso dell'ultimo decennio, ad una velocità di scioglimento che ha toccato picchi mai visti a causa dell'aumento delle temperature e delle nevicate più deboli.

E' quanto emerge da uno studio dell'università svizzera Eth pubblicato oggi.

"Lo scorso decennio è stato il peggiore degli ultimi 150 anni. Abbiamo perso enormi quantità di acqua", ha detto Daniel Farinotti, assistente ricercatore all'Eth.

"La tendenza attuale indica senza dubbio che i ghiacciai si stanno sciogliendo ad una velocità superiore. Dalla fine degli anni 80 hanno perso volume sempre più rapidamente", ha spiegato Farinotti.

E' ancora troppo presto per dire come sarà il 2009 per i ghiacciai, che sono una fondamentale fonte di acqua per gli impianti idro-elettrici oltre che un'importante attrazione turistica, ha detto Farinotti. Ogni giorno infatti sono fino a 6.000 i turisti che visitano il ghiacciaio di Jungfraujoch.

"Quest'anno dipende dall'estate. Ci sono state molte nevicate nell'inverno 2008/2009. Ma la primavera è stata molto calda, perciò dubito che questo possa essere un anno positivo per i ghiacciai", ha aggiunto Farinotti.

I ghiacciai della svizzera hanno perso 9 km cubi di ghiaccio dal 1999 ad oggi, il periodo più caldo degli ultimi 150 anni, e il momento peggiore è stato nel 2003, quando si sono ridotti del 3,5%.

i ricercatori prevedono che le temperature sulle Alpi svizzere cresceranno di 1,8 gradi d'inverno e di 2,7 gradi d'estate entro il 2050.

 
<p>Sciatori sul ghiacciacio Morteratsch in Svizzera. REUTERS/Arnd Wiegmann</p>