Da aeroporti Ue impegno annullare emissioni anidride carbonica

martedì 16 giugno 2009 16:27
 

di Pete Harrison

BRUXELLES (Reuters) - Trentuno aeroporti europei, tra cui anche lo scalo lombardo di Malpensa, hanno presentato oggi un programma congiunto per ridurre a zero le emissioni di anidride carbonica che producono, secondo quanto riferito da Aci Europe, l'associazione dei gestori di aeroporti.

Il programma di Aci Europe non fissa però un termine ultimo entro cui gli aeroporti debbano annullare le emissioni, per lo più riducendo gli scarichi prodotti dai mezzi di trasporto a terra, puntando sull'energia rinnovabile e riducendo il consumo di energia negli edifici.

Al piano Airport Carbon Accreditation partecipano alcuni tra i più importanti aeroporti europei come quello di Francoforte, Atene, Dublino, lo Schiphol di Amsterdam, l'Orly di Parigi, oltre a Malpensa, mentre non ha aderito lo scalo di Heathrow a Londra.

Il direttore generale di Aci Europe, Olivier Jankovec, ha spiegato a Reuters che l'alto numero di scali aderenti al programma e la loro eterogeneità ha reso di fatto impossibile fissare una scadenza per raggiungere l'annullamento delle emissioni.

"Se avessimo cercato (di fissare) una data, non saremmo mai giunti a un accordo", ha spiegato a Reuters. "Nonostante ciò stiamo sensibilizzando gli aderenti sulla questione".

Se molti progetti per l'energia "verde" sostanzialmente si auto-finanziano, quello di Aci Europe prevede un investimento iniziale mentre il settore del trasporto aereo sta facendo i conti con una crisi senza precedenti.

Aci Europe ha previsto per il 2009 un calo dell'8% nel traffico passeggeri, del 16% nelle merci, e per alcuni dei suoi membri perdite finanziarie.

"Il fatto che parliamo di questo progetto nel bel mezzo della peggior crisi fa capire quanto seriamente prendiamo in considerazione la sfida del cambiamento climatico", ha detto Yiannis Paraschis, chief executive dell'aeroporto internazionale di Atene.

Ridurre i consumi di energia è diventata una delle massime priorità in Europa con il Vecchio Continente che cerca di guidare il resto del mondo a raggiungere un accordo globale contro il cambiamento climatico al vertice di Copenhagen a dicembre.

Le operazioni aeroportuali sono responsabili fino al 5% delle emissioni del settore dell'aviazione, che produce il 2% dei gas nocivi globali, secondo quanto spiegato dal gruppo che rappresenta 440 aeroporti europei.

 
<p>Immagine d'archivio. REUTERS/Luke MacGregor (BRITAIN TRANSPORT BUSINESS)</p>