I Beckham ricevono le scuse dell'ex baby sitter

martedì 16 giugno 2009 15:53
 

LONDRA (Reuters) - David Beckham e sua moglie Vittoria hanno ricevuto oggi le scuse dalla ex baby sitter davanti alla Corte Suprema di Londra, dopo che la donna ha rivelato informazioni confidenziali sulla celebre coppia.

Il caso è nato dalle dichiarazioni rilasciate da Abbie Gibson sulla vita privata del calciatore dell'Inghilterra e di sua moglie, ex Spice Girl, dopo aver lascito il lavoro alle dipendenze della coppia.

Quello che ha detto è stato pubblicato su un quotidiano nell'aprile 2005, in un articolo intitolato "I Beckham a porte chiuse".

Oggi l'avvocato della coppia, Gerrard Tyrrell, ha detto alla Corte Suprema che Gibson ha promesso "permanente riservatezza", secondo quanto riporta la Press Association, e ha porto "scuse incondizionate a David e Victoria Beckham e famiglia per aver violato il proprio dovere di riservatezza".

"Tra maggio 2003 e marzo 2005, la signorina Gibson ha lavorato come baby sitter dei bambini di David e Victoria Beckham" ha detto Tyrrell in tribunale.

"Dopo le sue dimissioni, ha rilasciato un'intervista al News of the World. In questa intervista ha rivelato informazioni private e confidenziali sulla famiglia Beckham".

Inoltre a luglio del 2005, il quotidiano People aveva pubblicato un articolo intitolato "Le chiamate odiose di Beckham alla Tata", con la falsa notizia che David Beckham avesse telefonato a Gibson insultandola e minacciandola.

Il giornale si è successivamente scusato in pubblico e ha pagato il risarcimento dei danni ai Beckham.

"La signorina Gibson è felice di confermare che David Beckham non le ha mai fatto telefonate di questo tipo", ha detto Tyrrell. "Si scusa se qualcosa che ha detto a People ha dato l'impressione che queste telefonate siano avvenute".

Niri Shanmuganathan, legale di Gibson, ha detto che la sua cliente è "felice di impegnarsi alla riservatezza".

 
<p>David e Victoria Beckham. REUTERS/Danny Moloshok (UNITED STATES)</p>