Veronica Lario al "Corriere": infangata mia dignità

giovedì 11 giugno 2009 13:45
 

MILANO (Reuters) - La moglie del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che nelle settimane scorse aveva scatenato una violenta polemica con ripercussioni internazionali, esprimendo aspre critiche al marito in una lettera pubblicata dal quotidiano "La Repubblica", è tornata oggi a far sentire la propria voce, denunciando di essere vittima di un attacco alla propria dignità.

"In queste settimane ho assistito in silenzio, senza reagire mediaticamente, al brutale infangamento della mia persona, della mia dignità e della mia storia coniugale", ha scritto al "Corriere della Sera" Veronica Lario Berlusconi, bersaglio di una durissima campagna di stampa da parte dei quotidiani più vicini al premier.

"Certo è che la verità del rapporto tra me e mio marito non è neppure stata sfiorata, così come la ragione per cui ho dovuto ricorrere alla stampa per comunicare con lui. Certo è che l'ho sempre amato e che ho impostato la mia vita in funzione del mio matrimonio e della mia famiglia", ha detto ancora la moglie del premier, nella lettera pubblicata in prima pagina.

 
<p>Immagine d'archivio di Veronica Lario Berlusconi. REUTERS/Alessandro Bianchi/Files (ITALY POLITICS SOCIETY)</p>