Venezuela vieta Coca-Cola Zero, cita "pericoli per la salute"

giovedì 11 giugno 2009 09:57
 

CARACAS (Reuters) - Il governo venezuelano del presidente Hugo Chavez, fervente critico degli Usa, ha ordinato alla Coca-Cola di ritirare la bevanda Coke Zero dal paese sudamericano, citando non meglio precisati pericoli per la salute.

La decisione segue un'ondata di nazionalizzazioni e una maggiore attenzione verso le forme di business nel paese.

Il ministro della Salute Jesus Mantilla ha spiegato che la Coke Zero, a zero calorie, non sarà più venduta e che le scorte della bevanda saranno rimosse dagli scaffali dei negozi.

"Il prodotto sarà ritirato dalla circolazione per preservare la salute dei venezuelani", ha detto il ministro nei commenti riportati dall'agenzia di stampa governativa.

Nonostante le politiche anticapitalistiche di Chavez e la retorica contro il consumismo, il Venezuela resta una delle culture più americanizzate, con catene di fast-food Usa, centri commerciali e il baseball come sport tra i più popolari.

Mantilla non ha precisato quali rischi per la salute ci siano con Coke Zero, che contiene dolcificanti artificiali ed è stata lanciata in Venezuela ad aprile, con l'obiettivo per Coca-Cola Femsa - la società con sede in Messico che imbottiglia la Coke localmente -di aumentare la sua quota di mercato per i drink a basso tenore calorico del 200%.

Il governo quest'anno ha sequestrato una fabbrica di produzione di pasta e riso di proprietà del gigante alimentare Usa Cargill e ha minacciato azioni contro la casa farmaceutica statunitense Pfizer.

 
<p>Un ex dipendente di Coca-Cola in Venezuela partecipa a una protesta a Caracas contro la multinazionale, accusata di non pagare la liquidazione. REUTERS/Jorge Silva</p>